Spettacolare Fabio Fognini. Il campione di Arma di Taggia elimina l’ex n° 1 del mondo, il britannico suo coetaneo (32 anni) Andy Murray e vola agli ottavi di finale del Rolex Master 1000 di Shanghai dopo oltre tre ore di battaglia e code polemiche di Murray durante e dopo il match.

Lo scozzese contesta a Fognini di aver cacciato un urlo per distrarlo durante un punto. “Qualcuno ha fatto rumore durante lo scambio, non sapevo chi fosse e ho guardato nelle direzione da cui proveniva quel rumore. Lui allora mi ha detto: ‘Smettila di guardarmi’. Quel rumore però veniva da lui, cosa che non è permessa, è contro le regole. E’ la prima volta in carriera che mi capita una cosa simile”. Al cambio di campo Murray si è lamentato con l’arbitro e con Fognini al quale ha urlato un perentorio “shut up” (“stai zitto”). Bravo Fognino a non replicare, mantenere la calma e vincere il match nettamente al tie break.

Avanti di un set, vinto al tie break 7-4, Fognini ha subito il ritorno dello scozzese, che ha vinto il secondo set facilmente per 6-2 ed è arrivato a un passo dalla vittoria finale (due volte a due punti dal match sul 5-4 e sul 6-5) con un break di vantaggio e quindi il servizio a disposizione per il rinato Andy Murray. Ma il Fognini di questi tempi è tornato a sorprendere. Ha strappato sul filo di lana il servizio all’avversario e l’ha nuovamente portato al tie break come nel primo set. E a questo punto è stato micidiale vincendolo 7-2 e agguantando meritatamente gli ottavi di finale contro un avversaro che sta tornando il grande giocatore che tutto il mondo ha ammirato fino a due anni fa e che anche oggi ha dimostrato di non mollare mai.

Leggi anche:  Calcio Promozione - Ventimiglia ritrova sorriso, goleada e un nuovo baby talento

Per Fabio Fognini un altro passo avanti nel ricco e prestigioso torneo (oltre 7,5 milioni di dollari di montepremi) e altri punti importanti per scalare la classifica con vista Atp Finals. Al vincitore vanno 1000 punti.

Agli ottavi di finale attende il vincente del match tra il russo n° 9 del mondo Karen Chačanov (che lo ha eliminato la settimana scorsa ai China Open) e l’americano Taylor Fritz