Il Don Bosco Vallecrosia Intemelia ha dato il via a un nuovo progetto. Si tratta di una collaborazione con le classi della scuola materna, della scuola primaria e della secondaria di I grado.

Il progetto nelle scuole del Don Bosco Vallecrosia Intemelia

“Il laboratorio sportivo mira essenzialmente a mettere in atto una proficua e costruttiva collaborazione tra il mondo della scuola e quello dello sport – spiega la società biancorossa – Si pone come obiettivo principale la costruzione di un valido percorso educativo che valorizzi la motricità come elemento essenziale dello sviluppo integrale della personalità e la pratica sportiva come elemento di benessere psicofisico. Inoltre può essere considerato un valido strumento per la soluzione di problemi quali il bullismo e la dispersione scolastica. Inoltre favorisce l’integrazione scolastica degli alunni stranieri e diversamente abili”.

“Il fine è quello di promuovere divertendo esperienze piacevoli, attraverso una gamma di giochi che permettono ai giovanissimi di confrontarsi, di scoprire e di controllare le proprie capacità motorie e le performance tecniche con la palla, grazie ad esercizi e semplici competizioni – afferma il Don Bosco Vallecrosia Intemelia – Il progetto inoltre mira a far raggiungere agli alunni una partecipazione più attiva e responsabile nell’ambito della loro esperienza scolastica e sociale, a far rispettare le regole, ad far sì che imparino il rispetto per i più deboli e svantaggiati, a considerare gli avversari come compagni e non “nemici” e a rifiutare una situazione di vantaggio non equo”.

Leggi anche:  Fabio Fognini batte Ymer e approda al terzo turno del Roland Garros di Parigi

Le lezioni facoltative, che vengono organizzate con cadenza settimanale di due ore in orario curricolare presso le strutture adiacenti la scuola, sono effettuate da Francesco Lapa, Claudio De Nunzio, Nicola Aurisano e Angelo Aletto. Le attrezzature necessarie per l’attuazione del progetto sono messe a disposizione dall’ASD Don Bosco Vallecrosia Intemelia.