Fabio Fognini in coppia con l’amico Novak Đoković, tornato lo scorso anno numero uno del tennis mondiale, rinasce a Indian Wells e spazza (almeno in doppio) le nubi di un inizio 2019 molto al di sotto delle attese.

Fognini e Đoković, che oltre ad avere la stessa età (32 anni quest’anno) sono anche anici con le rispettive mogli al di fuori dei campi di gioco, hanno sconfitto al  primo turno del Master 1000 di Indian Wells (primo grande torneo della stagione dopo gli Australian Open) la coppia formata da  Milos Raonic e Jeremy Chardy, che dopo aver resistito nel primo set, chiuso  7-6(5) al tie break, sono stati travolti nel secondo per 6-1.

Fognini e Đoković sono stati bravi a recuperare nella prima partita, quando sono stati sotto 4-1, con palla agli avversari per i 5-1, ma sistemati gli automatismi sono andati via, prima pareggiando 5-5, poi sprecando per  4 palle break per il 6-5 e rimondanto anche nel tie break.

Leggi anche:  Fabio Fognini alza la bandiera bianca anche a Estoril

Nel secondo turno Fognini e Đoković affronteranno i vincenti tra tra Rohan Bopanna/Denis Shapovalov  d Jamie Murray/Bruno Soares, quest’ultima favorita in quanto testa di serie numero due del tabellone

L’esordio in singolare per Fognini (cbe accede direttamente ai 32esimi) non è stato ancora fissato ma sarà con l’esperto moldavo Radu Albot, numero 53 al modo proveniente dalle qualificazioni.