Un’ora di gioco praticamente perfetta, da dominatore. Con il numero due del mondo Rafael Nadal annichilito sotto i colpi vincenti di un Fabio Fognini extralusso, che nei quarti di finale dell’Atp Master 1000 di Montreal si aggiudica il primo set 6-2 con irrisoria facilità e vincenti spettacolari. Poi si spegne la luce, all’improvviso. Nel secondo set il campione di Arma di Taggia entra tardissimo. Nadal vola sul 3-0 e si capisce che non è lo stesso giocatore del primo set, anche se non mancano errori anche da parte sua. Ma Fognini non c’è più e tiene solo un turno di servizio, quello del 3-1. Poi è solo Nadal, che vola tranquillo alla conquista del secondo set, che si chiude su 6-1. La musica non cambia nel set di spareggio: il mancino di Maiorca parte subito bene, Fognini ritrova la prima palla e qualche buon ace, ma non basta. Nadal è un chirurgo che non sbaglia più nulla e il set si chiude sul 6-2  che manda l’iberico in semifinale.