Uno dei Campionati FMI più frequentati di tutta la storia è sicuramente il Gruppo 5 Regolarità d’Epoca e anche quest’anno l’appuntamento con le sei gare, sparse per tutta la penisola italiana, sta per ripresentarsi al via. E’ la prima volta che Diano Marina ospita il campionato di moto d’epoca organizzato dal Moto Club Imperia.

Moto d’epoca in gara a Diano Marina per il campionato

Il Moto Club, capitanato da Maurizio De Luca ha lavorato duro in questi ultimi mesi ma con la collaborazione delle amministrazioni comunali del comprensorio di Diano Marina è riuscito davvero a mettere in piedi una grande gara. Tre giri da circa 35 chilometri e due prove speciali, un cross test da effettuare tre volte e una linea cronometrata nel secondo e nel terzo giro. Paddock assistenza e Co. saranno allestiti in piazza Taramasco, che è anche una delle più grandi di tutto il territorio tanto è vero che unita ad un’area allestita appositamente accanto si arriveranno a superare i cinquemila metri quadri, a pochi passi dal centro città. Ma anche questa volta, per la gioia della popolazione locale e dei tanti piloti partecipanti il mare la farà da padrone visto che parco chiuso e verifiche tecniche saranno organizzati al Molo delle Tartarughe, in riva allo splendido Mar Ligure, in uno scenario che, tempo permettendo, ricorderà le cartoline d’altri tempi. Le verifiche amministrative invece, insieme anche al parco chiuso di fine gara e le premiazioni si svolgeranno al Palasport ‘G. Canepa’, sempre a Diano Marina, ed anche in questo caso poche centinaia di metri separano il tutto da paddock e verifiche tecniche.

“Il percorso di gara – spiega il presidente del Moto Club Imperia, Maurizio Di Luca – è stato studiato nei minimi dettagli mettendo insieme il meglio che il nostro territorio possa regalare per la nostra specialità: lo riteniamo spettacolare, quanto mai vario nella sua tecnicità, e con diversi passaggi da Regolarità “vera”.

Leggi anche:  Appartamento in fiamme a Diano, donna sotto choc

I piloti attraverseranno tutti i comuni delle vallate retrostanti l’area Dianese da Diano Castello a Diano San Pietro e Diano Arentino oltre ad un tratto su San Bartolomeo al Mare con scenari e panorami di una bellezza unica. Il cross test, il cosiddetto fettucciato, in località Varcavello – Eira Terme, dista dal paddock poco più di un chilometro mentre la prova speciale in linea sarà raggiungibile agevolmente con un mezzo in pochi minuti. Insomma noi con la nostra passione, i circa sei mesi di preparativi, gli innumerevoli fine settimana trascorsi a pulire e predisporre il tracciato di gara, anche questa volta ce l’abbiamo messa davvero tutta per dare vita ad un bel weekend di gara. Speriamo di esserci riusciti”.

Appuntamento questo weekend 10 e 11 marzo per la prima prova di Campionato Gruppo 5 Regolarità d’Epoca per una stagione che parte con i migliori presupposti: oltre 500 le richieste di assegnazione numero pervenute in Federazione e oltre ai nomi che già ben conosciamo di questa disciplina arrivano anche altri personaggi noti nel mondo dell’enduro come per esempio Fausto Scovolo o il giovane Mattia Traversi che vuole provare questa nuova esperienza nell’Epoca.

Con loro rivedremo Alessandro Gritti, Gualtiero Brissoni, Pietro Gagni e Sergio Belussi solo per citarne alcuni, insieme a tutti i vincitori delle singole categorie del campionato 2017: Alberto Rittà, Giovanni Runggaldier, Fabio Parrini, Paolo Maria Sala, Massimo Parrini, Giancarlo Donadio, Nazzareno Artifoni, Pier Enzo Rossi, Massimo Riva, Lorenzo Troian, Enrico Tortoli, Wilson Vagnini, Fabrizio Pietranera, Giulio Gambarini, Stefano Bosco, Giuseppe Vernagallo, Osvaldo Armanni, Ivo Zorzitto, Alessandro Vaccari, Riccardo Terranova, Alessandro Pierannunzi, Ettore Rivoltella, Arturo Cataldo, Giuseppe Vitale, Paolo Caruso, Giorgio Volpi.