Allievi provinciali Ospedaletti conquistano il girone A

La gioia pervade gli spogliatoi degli allievi provinciali dell’Ospedaletti Calcio: a loro va il girone A. Momenti di estasi con la squadra al completo, il presidente Barbagallo e Mister Pasquale Berica che dichiara: ““Fiero ed orgoglioso di questi ragazzi, per la vittoria del campionato e per i miglioramenti ottenuti, sotto il profilo individuale e di squadra, nell’arco della stagione. Sono molto contento per loro e di noi.”

Con la vittoria di ieri mattina, per 1 a 0, nello scontro diretto tra l’Ospedaletti e la diretta inseguitrice DianeseGolfo, la squadra guidata dall’allenatore Pasquale Berrica si è aggiudicata, con due giornate di anticipo, la vittoria del campionato Allievi provinciali (girone A). “E’ attraverso le parole del tecnico, del presidente Barbagallo, del nostro Stefano Sturaro e di Espinal che vogliamo rimarcare tutta la felicità e soddisfazione che sta attraversando l’intera società in questi giorni di festa”.

Il ringraziamento del mister Berrica

Mister Pasquale Berrica “Ci tengo in prima battutta a ringraziare tutti i miei giocatori: Gianmarco Eremita, Federico Aghemo, Artur Galatá, Nicoló Mergiotti, Andrea Bongiovanni, Jacopo Marenco, Federico Morbidelli, Federico De Masi, Niccolò Pavone, Meo Andrea, Balzano Vittorio, Gjini Renato, Alessio Tavano, Lorenzo Masia, Bellavista Amir, Zanotto Alessio, Tofanica Marius, Matteo Ramella, Thomas Capodanno, Simone Altomonte, Ronald Bersano, Luca Laura, Matteo Addiego. Sono fiero di voi. Un ringraziamento particolare poi a Davide Costo prima e Mauro Falcone per il prezioso contributo. Stesso ringraziamento va al nostro responsabile del settore giovanile Jose Espinal. Grazie alla società Ospedaletti Calcio tutta, i presidenti Roberto Rodo che ha poi lasciato la guida a Luca Barbagallo, alla famiglia Sturaro e l’intero staff dirigenziale. Per la fiducia e quanto avete fatto per metterci nelle condizioni di raggiungere questo traguardo”.

Leggi anche:  Sanremese pronta all'esordio in casa domani contro la Folgore Caratese