Pineta

“La pineta ai giardini pubblici Tommaso Reggio di Ventimiglia deve tornare ad esistere”. Questo è l’obiettivo del sindaco Scullino che durante la settimana scorsa ha fatto piantare 10 nuovi pini ad alto fusto per iniziare a ricostituire quel polmone verde, la storica pineta in pieno centro di Ventimiglia, che i giardini hanno sempre rappresentato.

“Non mi fermerò, continuerò a piantarne di nuovi, molti, la pineta tornerà”, avverte, appoggiato dalla propria Giunta. Ma gli altri pini messi a dura prova durante il maltempo di dicembre e gennaio? “Sono consapevole che il recente maltempo ha peggiorato le condizioni di salute dei pini, come certificano gli esperti, ma ho deciso di salvare il salvabile, sapendo che pioveranno critiche. Come ho già detto procederà con la messa in sicurezza dei pini oggi esistenti con imbragature, anelli e tiranti”.

Prosegue: “Per me vince l’ambiente, la salute e la qualità della vita. Ho già stanziato subito 30 mila euro e ho fatto incaricare una ditta specializzata per interventi in quota al fine di eliminare branche e rami pesanti e pericolosi, installare consolidamenti dinamici con cavi sintetici in polipropilene con relativi fascioni asolati per avvolgere i tronchi o i rami delle piante e altri interventi di salvaguardia e messa in sicurezza”.

Leggi anche:  "Questo non è amore" parte la campagna contro la violenza della Polizia

Il sindaco sottolinea che: “Così facendo abbiamo limitato il taglio a quei pochi pini lungo la strada che non consentivano ancoraggi sicuri proprio perchè si affacciano sul marciapiede perimetrale e la strada di Via Vittorio Veneto. Come avevo promesso ho già fatto piantare il doppio degli alberi che non abbiamo potuto salvare”.

Scullino proseguirà col piantare altri 30 alberi di alto fusto per ripristinare anche tutti quelli tagliati dall’amministrazione precedente. “Nel frattempo ho incaricato un gruppo di consiglieri – conclude – di occuparsi in particolare delle politiche ambientali. Coordinatore sarà il consigliere Giuseppe Palmero che opererà insieme a Eleonora Palmero, Francesco Mauro e Cristina d’Andrea. Presto saranno riunite tutte le associazioni di Ventimiglia per pianificare insieme come intervenire a salvaguardia dell’ambiente”.

Leggi QUI le altre notizie