Il laboratorio sport della lista “100 per 100 Sanremo per Tommasini Sindaco”, composto dai candidati al consiglio comunale Monica Albarelli, Francesco Aloi e Daniele Moraglia, intendono fare chiarezza sul progetto del Palazzetto dello Sport.

“Palazzetto dello sport di Sanremo non risponderà alle esigenze della popolazione

“In una recente intervista il sindaco Alberto Biancheri – evidenzia Daniele Moraglia candidato al consiglio comunale nella lista “100 per 100 Sanremo per Tommasini Sindaco” – ha dichiarato che aumentando la profondità della vasca principale del Palazzetto dello Sport riuscirà a organizzarvi gare di livello internazionale. Ma recentemente sono state annunciate modifiche al progetto che risultano essere totalmente inconsistenti e dimostrano quanto l’attuale amministrazione e la capofila del progetto abbiano una conoscenza limitata in materia sportiva. Dalla documentazione in mio possesso la vasca principale presenta 6 corsie, lunga 25 mt, larga 17 mt e una profondità variabile tra 1,35 e 1,75 mt. Nelle migliorie proposte non si ravvisano modifiche alla vasca che, per portare nella città quanto dichiarato dal sindaco, dovrebbe avere 10 corsie, misurare 25*25 mt ed essere profonda almeno 1,80 mt. Inoltre, mi domando a cosa servano la sala stampa e le postazioni per le riprese televisive se l’impianto non può ospitare eventi di un certo rilievo sportivo e agonistico.”

Fa eco Monica Albarelli, anche lei candidata nella lista “100 per 100 Sanremo con Tommasini Sindaco”: “Il progetto del Palazzetto così come concepito non risponde alle esigenze delle numerose società sportive sanremesi che potrebbero usufruire del campo polifunzionale. Come sarà possibile – prosegue Albarelli – farle coesistere e far sì che ognuna abbia gli spazi necessari? L’amministrazione avrebbe dovuto dare la possibilità proprio alle associazioni, che ogni giorno lavorano sul campo con i ragazzi, di verificare l’adeguatezza strutturale e logistica del Palazzetto. Sicuramente sarebbero scaturite ottime e costruttive indicazioni da proporre in fase di progettazione in modo da renderlo funzionale alle varie esigenze. Il Palazzetto dello Sport – conclude Monica Albarelli – è un’opera di grande impatto, sia sul territorio che per il bilancio cittadino. La programmazione sul suo utilizzo e sfruttamento dev’essere chiara sin dal principio. Per questo motivo, le realtà sportive della nostra città, alle quali è rivolto, dovevano essere maggiormente coinvolte ed ascoltate.”

Leggi anche:  Elezioni a Sanremo, tappa a Poggio per Sergio Tommasini

“Un progetto ibrido”

Infine Francesco Aloi, anch’egli candidato nella lista “100 per 100 Sanremo con Tommasini Sindaco” afferma: “Ci troviamo di fronte ad un progetto ibrido, non adeguato alle reali necessità degli sportivi e, soprattutto, estremamente costoso che potrebbe non ripagarsi nel tempo. Non vorremmo che questa struttura, attesa da anni e proposta in modo brusco e frettoloso, sia come la “Pista di Atletica” progettata dall’allora amministrazione Borea, i cui costi previsti di 2,6 mln sono lievitati a 8 mln; i cui 18 mesi (settembre 2008) previsti per la realizzazione si sono trasformati in oltre 11 anni (l’impianto è stato inaugurato nel 2013 ma ad oggi non è ancora terminato e utilizzato nella sua interezza); i cui fondi dirottati dal fondo vincolato RAI per la costruzione di strutture turistico-sportive di carattere fisso non hanno portato, a oggi, manifestazioni degne di un’ottima struttura e di Sanremo”.

Insieme ribadiamo – terminano Albarelli, Aloi e Moraglia – che il Palazzetto dello Sport proposto dalla Sicrea e avvallato dall’attuale amministrazione non risolverà le problematiche della nostra città e non risponderà alle reali esigenze della Sanremo concreta e ambiziosa che vogliamo. Siamo disponibili a dare il nostro apporto al progetto nel caso in cui l’attuale amministrazione avesse voglia di intavolare un tavolo di confronto, visto che il progetto definitivo sarà presentato entro i prossimi 90 giorni e, quindi, c’è il tempo per proporre migliorie. A breve il nostro gruppo svelerà il proprio programma, all’interno del quale lo sport sarà una compagine importante per il rilancio della nostra città”.