Si terrà oggi a Sanremo l’assemblea tra i sindaci soci e il Cda di Rivieracqua.

Oggi l’incontro tra sindaci e Rivieracqua

Il Cda di Rivieracqua è ormai ridotto a due solo membri: Carlo Alberto Mangiante e Sara Rodi. Toccherò a loro oggi presentare il piano finanziario che dovrebbe rimettere in sesto o perlomeno porre una pezza al dissesto di Rivieracqua. “Siamo preoccupati” avevano spiegato i due durante la conferenza stampa del 20 marzo (LEGGI QUI), a seguito di un primo incontro con i sindaci.  “L’assemblea dei soci ci ha dato un mandato esplorativo per delineare delle linee programmatiche e provvedere al riequilibrio finanziario di Rivieracqua”.

Oggi dovranno illustrare il piano realizzato dopo le indicazioni emerse nella scorsa assemblea, a cui si erano presentati i sindacati, chiedendo delucidazioni sui rischi per i lavoratori.

I sindacati sotto al Comune di Sanremo

Anche oggi saranno presenti sotto il Comune di Sanremo per chiedere risposte in merito alle questione sollevate lo scorso mese.

“Ci aspettiamo maggiore chiarezza; insomma non solo parole, ma un vero e proprio piano che porti alla risoluzione della vicenda. 250 famiglie aspettano una presa in carico di responsabilità in cui il CDA di Rivieracqua, i comuni Soci stessi dell’azienda e la Provincia che si è dimostrata disponibile e volenterosa di risolvere celermente la vertenza, devono far fronte”

Leggi anche:  Mara Lorenzi sul caso Sorriento: non dovrebbe avere alcuna responsabilità amministrativa

Un buco da 4 milioni

È questa la cifra di cui si vocifera: un buco da ben 4 milioni che potrebbero essere ripartiti tra i vari comuni soci. Una preoccupazione che aveva spinto il sindaco Biancheri a recarsi alla Corte dei Conti di Genova per capire quali siano le ricadute per le Amministrazioni in caso di fallimento completo.

Oggi sarà il presidente Mangiante a districare la difficile matassa dei conti. Poi il tentativo di accordo con i sindaci.