I Capigruppo di maggioranza di Imperia rispondono con una nota stampa al consigliere Guido Abbo che aveva pronosticato una “mazzata TARI in arrivo sulla cittadinanza.

Maggioranza bacchetta Abbo su TARI “Ma proprio lei?”

Consigliere Abbo, che coraggio! Lei che da assessore al Bilancio ha combinato il pasticcio delle “cartelle pazze” sulle tariffe TARI, che portò i commercianti infuriati davanti al portone del Comune e in Sala Giunta. Lei che ha fatto parte di un’Amministrazione che ha contribuito a creare oltre 11 milioni di euro di buco nel bilancio. Lei che ha assistito inerte per anni a una gestione dei rifiuti fatta a colpi di ordinanze e rinvii. Ebbene, lei, dopo tutti questi precedenti, ha l’ardire di alzare il dito e fare la lezione sulla TARI?

Consigliere Abbo, non ci sembra in condizioni di dare lezioni a nessuno. Bene ha fatto l’assessore Giribaldi a intervenire e puntualizzare la situazione e siamo certi che saprà illustrare nel dettaglio tutto quanto nel prossimo Consiglio Comunale. 

Consigliere Abbo, evidentemente la smania di attaccare l’Amministrazione l’ha condotta a qualche scivolone. Sperava forse in aumento più alto del previsto e, quando ha visto che non sarebbe stato così, ha iniziato ad arrampicarsi sugli specchi?

Questa vicenda, ci tocca rimarcarlo, la iscrive di diritto in quella parte di opposizione, capitanata dai consiglieri Ponte e Lanteri, che non si rassegna al fatto di aver perso le elezioni e dimostra più rancore verso l’Amministrazione comunale che amore per la città. Se così non fosse, non si capirebbero queste sue ultime dichiarazioni.

Perché, diciamola tutta, se proprio vogliamo parlare di colpe e responsabilità, abbiamo i documenti che parlano e che dicono, anche sul tema dei rifiuti, cosa è stato fatto negli ultimi anni. Basta andare a leggere.

Il sindaco Scajola si è ritrovato a dover far fronte a una situazione emergenziale, con un’ordinanza del suo predecessore che scadeva soltanto tre giorni dopo il suo insediamento. Si è assunto la responsabilità di avviare un cambiamento epocale e di porre rimedio ad anni di lassismo. 

Consigliere Abbo, il sistema porta a porta deve essere ancora messo a punto. In molte parti della città funziona già bene, in altre non ancora del tutto. Le tariffe diminuiranno nei prossimi anni grazie all’aumento della raccolta differenziata e ai minori costi di discarica. Imperia sarà così più pulita e con un sistema di raccolta dei rifiuti degno di un capoluogo. Insomma, sarà una città migliore di quella che lei ha lasciato da Vice sindaco.