Ultimo atto dell’ennesima sfida tra Alessandri e Brunengo. Una sfida che non è fatta solo di caccia ai voti, ma anche di un perdurare di accuse e risposte che vanno avanti da dieci anni. Si attende adesso il risultato delle urne.

Affluenza

A Pieve di Teco l’affluenza finale è stata del 72,88%, contro il il 71,47% delle precedenti votazioni. In attesa dell’esito dello spoglio (sono 3 le sezioni), ecco chi sono i due candidati alla poltrona da primo cittadino.

Insieme per cambiare

Il sindaco uscente Alessandro Alessandri ha cercato inutilmente di provare a formare una lista unica e compatta. Ha così scelto di ripresentare la sua candidatura a sindaco con la lista civica Insieme per cambiare.

Le intenzioni espresse dal sindaco uscente Alessandri in merito alla sua candidatura sono state molto chiare. “Vorrei proseguire il lavoro che è stato portato avanti col progetto Aree Interne attualmente in ballo, con il possibile arrivo di fondi importanti sul territorio e il momento generale economico e sociale così difficile”.

Leggi anche:  Alessandro Sindoni attacca Sergio Tommasini: "Anzichè parlare di cose di cui è poco informato si occupi del biodigestore"

I nomi in lista. Massimo Aicardi, Andreina Bonfiglio, Gabriele Burlini, Angelo Casella, Nicola Dell’Erba, Walter Ferrari, Danilo Gerino, Luca Patrone, Juri Pugni e Rosanna Zunino.

Pieve, Bene Comune

Pieve, Bene Comune è la lista civica che si propone di amministrare il Comune partendo dal concetto che il Borgo di Pieve di Teco e le sue frazioni, devono essere valorizzate e amministrate come un prezioso bene comune. Da qui il nome della lista.

I rappresentanti di “Pieve, Bene Comune” hanno individuato in Renzo Brunengo il candidato sindaco alle prossime elezioni comunali. Questo per la sua profonda esperienza a livello amministrativo, la sua conoscenza e il grande attaccamento al territorio.

I membri della lista. Rosta Dario, Buratto Marco, Masili Marcello, Muià Tiziana,  Cepollini Renato,  Molinari Camilla, Pignone Francesco, Lanteri Camilla, Belmonti Alessandro e Roggero Franco.