Travolta dalle accuse per le consulenze sospette avute dal presidente di confindustria lombarda Marco Bonometti, e per questo indagata per finanziamento illecito, Lara Comi ha deciso di fare un passo indietro e di rinunciare al seggio in parlamento, dove sarebbe entrata come terza della circoscrizione Nord Ovest. Lo annuncia la stessa Comi in una nota diffusa nelle scorse ore.

Lara Comi: “Berlusconi mi ha chiesto di proseguire,ma la mia decisione è irrevocabile”

«Berlusconi mi ha più volte invitato a proseguire nella mia attività politica apprezzando il mio costante impegno per il lavoro svolto in questi anni a Bruxelles – le parole di Lara Comi affidate alle agenzie di stampa -. Nonostante ciò gli ho comunicato la mia decisione irrevocabile di voler essere libera da ogni incarico politico o nell’ambito dell’attività del Parlamento Europeo, perché voglio difendermi dalle accuse che mi sono state mosse, senza avvalermi dell’immunità parlamentare.
«Da libera cittadina dimostrerò a testa alta la mia totale estraneità a fatti che possano avere rilievo penale. Ho chiesto al Presidente Berlusconi, senza voler in alcun modo condizionare la sua scelta, di optare per il Nord Ovest convinta che solo lui possa continuare e rafforzare il lavoro che ho svolto nelle istituzioni a tutela dei giovani, delle donne e di tutti i settori produttivi. Ringrazio di cuore tutte le persone che hanno creduto e credono in me avendo espresso la loro preferenza con il loro voto».

Leggi anche:  Conte annuncia dimissioni. Di Muro: "Siamo in piena crisi"

Ieri si era diffusa la notizia che Silvio Berlusconi avrebbe scelto proprio il Nord Ovest per il seggio al Parlamento Europeo. Una scelta che avrebbe escluso in ogni caso Lara Comi, in quanto terza della lista nonostante i suoi 32mila voti. Ora la deputata lombarda precisa di aver pregato lei Berlusconi di optare per il Nord Ovest. Tanti gli attestati di stima nei suoi confronti, anche in provincia di Imperia,  che fa appunto parte della circoscrizione in cui sarebbe stata eletta (in caso di rinuncia di Berlusconi). Tra questi il commissario sanremese di Forza Italia Gianni Rolando: “La tua scelta ti fa onore,ma credo che tu dovessi continuare la tua carriera politica in Europa.Tantissime persone contano su di te”. Marco Scajola si è limitato a mettere un “mi piace” sul suo post di facebook  nel quale la Comi riporta anche il comunicato diffuso da Silvio Berlusconi, che riportiamo qui sotto.