La maggioranza che guida il paese di Molini di Triora, ora guidata dal sindaco Marcello Moraldo, in merito alle prossime Elezioni Comunale del 26 maggio, ha sciolto le riserve. Moraldo non si ricandiderà e il suo testimone passerà all’attuale vice sindaco Manuela Sasso, 32 anni, avvocato, che quindi sarà il candidato sindaco di una lista civica, “Viva Molini”, che intende proseguire il lavoro svolto fino a ora.

Lo sfidante sarà Antonio Mario Becciu, attualmente leader dell’opposizione, capogruppo in Comune di “Nuovo Futuro”.

Intervista a Manuela Sasso, candidato sindaco a Molini di Triora

Come è nata l’idea di puntare su di lei come candidato sindaco della lista di maggioranza?

“Ci pensavo da novembre scorso perché Marcello (Moraldo, ndr) dopo 29 anni di amministrazione non aveva intenzione di ricandidarsi, anche se io lo avrei appoggiato. Abbiamo atteso le sue decisioni e poi durante gli incontri con gli altri consiglieri non sono usciti altri nomi. Così ho deciso di mettermi in gioco in prima persona”.

Quanto e come vi siete confrontati con il sindaco Moraldo? Lui sarà comunque in lista?

“Ci siamo confrontati tanto, sono stati cinque anni di amicizia, consigli e sostegno, lui ci sosterrà esternamente e avrò il suo appoggio. È sempre un punto di riferimento per tutti noi per l’esperienza, ma sarà una presenza esterna. Sarà sempre importante, ma ora il testimone passa a noi”.

Lei intenderà, ovviamente, proseguire nel solco del lavoro svolto in questi anni. Qual è il bilancio della vostra amministrazione?

“Il bilancio è positivo, cinque anni belli con tutte persone valide. Tanti progetti sono stati conclusi e tanti sono da concludere, quindi si proseguirà nel solco ma con novità e nuove idee del gruppo che sta nascendo”.

Leggi anche:  Conte annuncia dimissioni. Di Muro: "Siamo in piena crisi"

Quali invece le priorità per un eventuale secondo mandato? Quale sarà il programma in linea di massima?

“Lo stiamo definendo e ci incontreremo ancora tra 10 giorni, sarà un programma condiviso. Una priorità è il turismo, le strade, i negozi che chiudono, ma sono temi difficili da affrontare. Punteremo su percorsi in bici, acquedotti e frazioni, la popolazione è diminuita a 610 residenti e ascolteremo le esigenze di chi ci abita e allo stesso tempo dovremo incentivare i turisti a salire da noi”.

Per Molini, finalmente, sarebbe la prima sindaca donna…

“È una bella scommessa, anche se le cose stanno migliorando in tema di parità contano poi la qualità delle persone e la buona volontà. Mi sembra di essere stimata dai residenti”.

Cosa ci può anticipare della lista? Chi ci sarà con lei?

“Ci saranno tre elementi vecchi, io e altri due, l’età va dai 23 a 60 anni, avremo un candidato per ogni frazione, più elementi nuovi senza esperienza e altri con esperienza come consiglieri ma in altre amministrazioni”.

Ci saranno incontri con i cittadini?

“Certamente, inizieremo ad aprile”.

E i rapporti con la minoranza come sono stati in questi anni?

“I rapporti sono stati buoni e alcuni progetti li abbiamo gestiti insieme, credo che si debba sempre collaborare in modo costruttivo”.