Migranti

“Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, dalla propria pagina Facebook, risponde al direttore artistico del Festival di Sanremo, Claudio Baglioni, che oggi, al teatro dell’opera del casinò, durante la presentazione della 69/ma edizione della gara canora, incalzato dalla domanda di una giornalista, ha criticato la politica del governo sui migranti.

Le affermazioni di Baglioni

“Non si può pensare di risolvere la situazione di questi milioni di persone che sono in movimento o in stato di disagio, evitando lo sbarco di quaranta o cinquanta persone – ha affermato Baglioni -. Siamo un po’ alla farsa e questo lo dobbiamo dire. Non credo che un dirigente politico oggi abbia la capacità di risolverlo, ma ci vorrebbe almeno la velleità di dire: signori qui siamo di fronte a un problema e dobbiamo metterci tutti nelle condizioni di risolverlo”.

Baglioni, poi, aggiunge: “C’è un altro anniversario quest’anno: la caduta del muro di Berlino, trent’anni. A un certo punto, il mondo ha pensato di essere felice insieme e qui stiamo ricostruendo i muri e non li abbiamo mai abbattuti. Non credo che questo faccia la felicità degli esseri umani”.

Ancora Baglioni

“Proprio in un’isola come Lampedusa, già 25 anni fa o forse più di un quarto di secolo fa, si avvertiva quello che si doveva chiamare all’epoca, perché oggi non lo è più, fenomeno degli sbarchi, degli arrivi per mare. 
Ma l’intenzione della mia e della nostra manifestazione, degli oltre trecento artisti che erano venuti là a parlare della vita come arte dell’incontro, che poi era una delle frasi forti di Vinícius de Moraes, era quella di dire ‘noi siamo assolutamente preoccupati del fatto che ci siano dei viaggi per mare o attraverso qualsiasi altro sistema di locomozione che siano irregolari perché ci auguravamo che in un mondo perfetto qualsiasi movimento di esseri umani fosse regolabile e non cadesse in mano alla illegalità, allo sfruttamento, alla confusione, alla non gestione'”.

Leggi anche:  Gianni Berrino si candida alle Europee 2019

“La classe politica, la classe dirigente e forse anche l’opinione pubblica, quindi un po’ ci dobbiamo mettere tutti dentro, ha mancato clamorosamente. E’ stato un po’ un disastro dal punto di vista culturale e gestionale che avrà delle ripercussioni e che ha già delle ripercussioni gravissime. La prima è di ordine intellettuale: il nostro Paese, ma non solo il nostro, è terribilmente incattivito, rancoroso. Lo è nei confronti di qualsiasi altro non sia piacevole, non sia fortunato, non sia amico nostro. Qualsiasi altro è un essere pericoloso. Guardiamo con sospetto anche la nostra ombra”.

Credo che le misure che sono state messe in atto da questo governo, come da tutti i governi precedenti, non siano assolutamente all’altezza della situazione. Ma adesso è una grana grossa. Se fosse stata presa in esame molti anni fa, forse non saremmo arrivati a questo punto. Detto questo a noi interessa creare di nuovo un senso armonico, perché il Paese è terribilmente disarmonico. E’ confuso, quasi cieco, nella direzione da prendere, che ci attacchiamo a questa idea della leggerezza e del divertimento per correrci incontro”.

Leggi QUI le altre notizie