I diciotto Comuni del comprensorio Intemelio, con Ventimiglia capofila, hanno firmato, questo pomeriggio, all’ex chiesa anglicana di Bordighera un protocollo per rilanciare il turismo nell’estremo Ponente della Liguria.

“InRiviera” è il nome dato al consorzio, che nasce dopo una gestazione di circa tre anni e che ha come obiettivo la promozione della fascia costiera compresa tra Ospedaletti e il confine con la Francia, passando per Bordighera, Vallecrosia e Ventimiglia; con un occhio particolare alle peculiarità dell’entroterra: dall’antico borgo medievale di Dolceacqua, con il suo castello dei Doria, al vino “Rossese” di Soldano.

Testimonial l’assessore regionale Gianni Berrino: “Un grazie particolare a voi che vi siete impegnati – ha affermato nel suo discorso – a chi ha avuto l’idea e a voi sindaci, che avete capito l’importanza in un mercato globale del turismo. Un mercato molto difficile, competitivo, dispendioso per quanto riguarda la promozione. Avete capito l’importanza di mettervi assieme per rappresentare il Ponente della Liguria, per rappresentarvi come un unico territorio, diverso ma con un unico comune denominatore: quello non solo della vicinanza geografica, ma anche della storia e degli interessi economici che da sempre legano questo territorio”.

Leggi anche:  Denunciati dalla polizia due coltivatori di marijuana

E poi. “Abbiamo colto la necessità, ancora una volta, di unire tutte le forze – ha detto il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano -. E’ questo che ci chiede il mercato turistico. Portare il patrimonio di tutto questo comprensorio sarà senz’altro più facile, è una scommessa che possiamo vincere”.

Tra gli obiettivi nel lungo termine c’è pure quello di creare una connessione con il vicino Piemonte. Ma non è tutto. Ciascun Comune si è impegnato a versare un euro per ciascun abitante, per costituire un fondo cassa. “Questa convenzione sul turismo ha come fine quello di promuovere il comprensorio e le sue unicità – ha affermato il sindaco di Bordighera, Giacomo Pallanca – è importantissimo, perché non si tratta di un atto che si firma oggi, ma di un impegno per il futuro”.