In arrivo due bandi regionali a sostegno dell’apicoltura ligure. In particolare, il primo è da 24.500 euro per l’acquisto di nuove arnie; il secondo – di cui lo scorso anno sono stati 240 gli apicoltori beneficiari – da 41.500 euro per lo svolgimento di corsi specifici, seminari, convegni e acquisto materiale didattico.

I bandi rientrano nelle iniziative a sostegno del settore dell’apicoltura per la campagna 2016-2017, secondo le disposizioni del programma nazionale triennale a favore del comparto. “Con queste risorse – spiega l’assessore Mai – sono potenzialmente acquistabili circa 600 nuove arnie anti varroa, l’acaro parassita che può attaccare le api e quindi mettere a rischio le produzioni del nostro miele. Auspichiamo che l’intero budget vada esaurito perché si potrebbe tradurre in un aumento del patrimonio apistico regionale”. Il bando è aperto a tutti gli apicoltori con almeno 15 arnie, in regola con l’iscrizione all’anagrafe nazionale. Sono previsti finanziamenti fino al 60% della spesa ammessa, con un limite massimo di spesa di 70 euro per arnia. Priorità sarà data ai giovani agricoltori, agli apicoltori con partita Iva, con laboratorio di smielatura registrato e apicoltori biologici.

In Liguria sono oltre 1.700 gli apicoltori, in particolare concentrati nella provincia di Imperia (239 apicoltori e 5.213 alveari), Genova (765  apicoltori, il 44% del settore a livello regionale, con 12.413 alveari),  La Spezia (392 apicoltori e 5.863 alveari) e Savona (356 apicoltori e 5.769 alveari).
L’83% degli apicoltori liguri ha meno di 20 alveari.