Sarà il regista Gabriele Vacis oggi, domenica 8 settembre, alle ore 17.00 a chiudere la terza edizione di “Solea”, tre giorni di festival sanremese dedicati alla cultura mediterranea, con la direzione artistica di Angelo Giacobbe, l’organizzazione della Cooperativa CMC/Nidodiragno Produzioni e il sostegno del Comune di Sanremo.

Dopo gli omaggi ad Andrea Camilleri, in apertura di festival, e a Italo Calvino nella giornata di ieri, sabato 7 settembre (nella fotogallery, la passeggiata letteraria “Racconti di mare” con gli attori Elisabetta Mazzullo e Davide Lorino, e l’incontro serale “Il mare in un imbuto”), oggi il festival si chiude al Forte di Santa Tecla con un’intensa conferenza-spettacolo dal titolo “Storie d’acqua”.
Il regista Gabriele Vacis, con le letture di Christian Burruano e la scenofonia di Roberto Tarasco, propone al pubblico racconti e riflessioni sull’acqua come metafora della vita stessa, che continua a riservare sorprese anche quando sembra dominata dall’enfasi della sicurezza. Acqua del Mediterraneo, acqua del Vajont, acqua del Polesine, acqua dei mille posti inondati, più o meno conosciuti: vicende terribili, dalle quali chi è riuscito a sopravvivere ha ricavato una nuova consapevolezza della precarietà umana ed ha trovato la forza per continuare a vivere.

“Non si è mai al sicuro, in nessun posto. Quando c’è di mezzo l’acqua”: la forza dell’acqua ti viene a prendere dovunque sei, quando meno te l’aspetti. È una metafora della vita stessa, che continua a riservare sorprese anche quando sembra dominata dall’enfasi della sicurezza. Gabriele Vacis, geniale ideatore del teatro di narrazione, ci conduce in questo appassionante racconto, avvalendosi di alcune immagini e di letture del giovane attore torinese Christian Burruano.

Leggi anche:  Il 6 settembre torna Soleà a Sanremo: l'edizione 2019 sotto il segno di Calvino e Camilleri

Si tratta di un progetto speciale nato dall’esperienza dello spettacolo “Viaggiatori di pianura – Tre storie d’acqua” con Natalino Balasso, lo stesso Christian Burruano, Laura Curino, Lyiu Jin. Nel suo percorso ad oggi il progetto ha conosciuto esperienze significative come la partecipazione al meeting “Cantieri della città”, promosso da Animazione Sociale e la presenza torinese all’ultima edizione di “Terra Madre” a cura di Slow Food. Biglietto ha il costo popolare di 8 euro.

“Solea” anche quest’anno si avvale di partner preziosi. La manifestazione nasce all’interno del calendario manifestazioni estive del Comune di Sanremo – Assessorato al Turismo, Cultura e Manifestazioni e gode del supporto di MIBACT – Polo Museale della Liguria. Viene confermata la collaborazione, come detto, con CNA, con il Casinò di Sanremo e con l’Associazione Pigna Mon Amour. Nuovo partner è Frantoio di Sant’Agata di Oneglia. Ha collaborato all’evento itinerante del 7 settembre lo Yacht Club Sanremo.