La Caritas Diocesana di Ventimiglia-Sanremo organizza da giovedì 10 a martedì 30 gennaio l’esposizione della Mostra fotografica “Migrant bodies” di Max Hirzel. La Mostra è ospitata a Sanremo presso la sede del Club Tenco, negli ex magazzini ferroviari, Lungomare Italo Calvino. La mostra sarà visitabile dal lunedì al sabato dale 9:30 alle 12:30. Martedì e sabato anche dalle 15:30 alle 18:30

Migrant Bodies nasce dallo struggente racconto di Alpha

Max Hirzel spiega che la Mostra fotografica Migrant bodies è stata ispirata da Alpha, un ragazzo del Camerun, che ha raccontato al fotografo «Nel deserto vidi una tomba, era di una ragazza di Douala, e mi chiesi se suo papà e sua mamma, i suoi fratelli e le sorelle sapessero che la loro bimba è là. O se stessero dicendo a loro stessi che fosse altrove, in Belgio, Canada, Italia… loro stavano sognando. Mentre la loro figlia era seppellita da qualche parte nella sabbia…».

“Incontrai Alpha a Bamako – spiega Hirzel , nel 2011. L’idea di lavorare sulla gestione dei corpi dei migranti deceduti, in qualche modo risale a quel giorno e alle sue parole. Ho iniziato dai cimiteri,
volevo capire dove e come sono sepolti, quanti hanno un nome o cosa, in mancanza.”

“Oltre i numeri e le statistiche”

“La Mostra – raccontano invce dalla Caritas diocesana – ci offre l’;opportunità di fermarci un momento a riflettere, a pensare alla migrazione come evento che coinvolge singole persone, andando in profondità, oltre i numeri e le statistiche. Figli, fratelli, mamme, papà… che troppe volte non danno più notizie ai loro familiari, lasciandoli nell’;incertezza e senza la possibilità di seppellire e piangere i propri cari”.

Leggi anche:  Bimbi mettono in scena Dickens alla Mater di Sanremo

“La Mostra – continuano -può consentirci di dedicare un po’; di tempo ad interrogarci su questo fenomeno “che è sempre” esistito” ma che cambia e ci interpella in modi diversi e ci chiede di essere affrontato con compassione e ragionevolezza, partendo dalla dignità delle persone e dal rispetto dei diritti umani, nel nostro Paese, in Europa e soprattutto nei Paesi di transito e provenienza. Devono essere finalmente adottate scelte politiche concrete per evitare le guerre, ridurre le ingiustizie sociali, mettere al bando la povertà e – concludono – limitare gli effetti dei cambiamenti climatici”