Presentata ieri mattina in Comune a Sanremo la terza edizione di “Soleà”, tre giorni di festival dedicati alla cultura mediterranea e ospitati prevalentemente al Forte Santa Tecla di Sanremo (6-8 settembre), con l’organizzazione della Cooperativa CMC-Nidodiragno Produzioni e il sostegno del Comune di Sanremo.

Soleà – Festival della cultura mediterranea

Un’edizione che trae molte ispirazioni dall’opera di Italo Calvino, come si evince dal sottotitolo “Il mare in un bicchiere”, una celebre definizione della poesia coniata dallo scrittore. Con la direzione artistica di Angelo Giacobbe, il programma 2019 vuole indagare il rapporto che lega l’uomo, il mare e la città, attraverso reading, spettacoli itineranti e conferenze-spettacolo.

Altro “nume tutelare” di questa edizione di Soleà sarà Andrea Camilleri. Nella vastissima opera dello scrittore siciliano il mare è, di volta in volta, protagonista e comprimario di molti dei suoi romanzi e racconti. Per questo, e per rendergli omaggio a pochi mesi dalla scomparsa, il festival aprirà venerdì 6 settembre alle ore 21.15 al Forte Santa Tecla con un reading dedicato a un’opera poco nota: “Le indagini del commissario Collura”, collega meno famoso ma non meno affascinante del più celebre Montalbano. La lettura sarà affidata alla voce di Donatella Finocchiaro, talentuosa attrice catanese dall’articolata carriera equamente divisa tra televisione, cinema e teatro. Incursioni musicali affidate al pianista e cantante Andrea Gattico accompagneranno il reading. Sarà affidato a Marco Vallarino il compito di introdurre la serata.

Leggi anche:  Appello dei volontari Enpa: "Il bando di gara al ribasso per la gestione dell'Ente arrecherà danno ai nostri animali"

Il festival prosegue sabato 7 settembre con due appuntamenti entrambi dedicati a Calvino. Alle ore 18.30 un’esperienza davvero particolare, lo spettacolo itinerante che accompagnerà un piccolo gruppo di spettatori dalla Marina al cuore della Pigna, attraversando gli angoli più suggestivi e inaspettati della vecchia Sanremo, sulle tracce dei luoghi raccontati o evocati dalle opere di Calvino. Si tratta di “Racconti di mare e di città”, un percorso narrativo rivolto a spettatori di tutte le età, affidato agli attori Davide Lorino ed Elisabetta Mazzullo e realizzato con la collaborazione dello Yacht Club di Sanremo, che ospiterà la prima tappa dell’itinerario.

Alle ore 21.15 appuntamento a Santa Tecla con “Il mare in un imbuto”, un percorso attraverso l’opera di Italo Calvino guidata da Giorgio Gallione, regista e drammaturgo genovese. Insieme alle parole di Gallione, ecco le letture di Rosanna Naddeo, attrice del Teatro Stabile di Genova, originaria di Arma di Taggia, introdotte dal giornalista Marco Vallarino. Domenica 8 settembre il festival si chiude con un’intensa conferenza-spettacolo guidata dal regista Gabriele Vacis, con le letture di Christian Burruano e la scenofonia di Roberto Tarasco: “Storie d’acqua” propone al pubblico racconti e riflessioni sull’acqua come metafora della vita stessa.

LEGGI QUI le altre notizie de La Riviera