“Il fil rouge del progetto “Safety school” realizzato con il contributo e il patrocinio del Comune di San Bartolomeo, continua ad arricchirsi grazie a due conferenze aperte a tutti, genitori, insegnanti, ragazzi, educatori, che si svolgeranno nei prossimi giorni, al fine di contribuire a costruire insieme una comunità educante”.Maria Giacinta Neglia, vice Sindaco e Assessore ai Servizi sociali del Comune di San Bartolomeo al Mare, annuncia così i due appuntamenti in programma prima di Natale.

Bullismo e cyberbullismo il tema dell’incontro di venerdì

Venerdi 15 (ore 18:00, Centro Giovani “Spazio 139”, via Aurelia 139) si terrà una conferenza su un tema sempre più straripante: “Bullismo, cyberbullismo e disagio giovanile”. Spesso i giovani non si rendono conto di quello che i loro atteggiamenti e comportamenti provocano, a sè e agli altri. Verrà data ampia riflessione a tale fenomeno grazie alla partecipazione di due esperti del settore, il Dott. Innocente Ramoino, psicologo, e la Dott.ssa Daisy Augeri(Cooperativa Jobel), pedagogista. Entrambi sono impegnati da decenni  a fare prevenzione sul nostro territorio in modo da contrastare tale fenomeno con le corrette misure e al tempo stesso supportare le “vittime”. L’evento è reso possibile dall’ottima sinergia con il Lions Club Diano Marina, nell’ambito del Servizio di Cittadinanza Attiva. Al temine della conferenza si terra un piccolo rinfresco.

Leggi anche:  Tea con l'autore a San Bartolomeo al Mare

L’uso di internet e smartphone tra i giovani

Giovedì 21 (ore 21:00, Centro Sociale Incontro, Giardini I Maggio, 1) avrà invece luogo una conferenza rivolta più esplicitamente ai genitori. “Internet, Smartphone e Social Media: uso e abuso. Tutela e protezione dei minori online”. Relatore sarà l’esperto di educazione digitale Mauro Ozenda(Associazione Mani Colorate).

“Ancora una volta – conclude Neglia – il Comune di San Bartolomeo è al fianco delle famiglie per cercare di contribuire alla crescita consapevole dei ragazzi. Ciò è reso possibile grazie all’abnegazione e al contributo di tante associazioni di volontariato”.