Bagno di folla per l’inaugurazione della mostra dedicata a Porcheddu

Più di 500 persone si sono recate ieri alla Chiesa Anglicana di Bordighera nel giorno dell’inaugurazione della Mostra dedicata all’artista bordigotto Gian Antonio Porcheddu, organizzata dal Comune e curata personalmente dal delegato alla Cultura Marco Farotto. Circa 300 sono stati i presenti nella sola ora dell’inaugurazione, per ricordare l’artista tragicamente scomparso.
“Quando ho cominciato a vedere i posti a sedere esauriti, commenta il curatore Marco Farotto, mi sono commosso. Sapevo che Gian Antonio era amato in città, ma non mi sarei mai aspettato così tanti partecipanti. Ringrazio per la partecipazione il sindaco Vittorio Ingenito, Daniele Audetto, grande amico di Gian Antonio, e Axel Vignotto per aver presentato l’evento”.

“Quello che vogliamo fare – continua Marco – è dedicare una mostra ogni anno a un grande artista bordigotto scomparso. Questa è solo la prima di una lunga serie che fa parte del Pacchetto Cultura a cui sto lavorando per Bordighera”.

La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 5 maggio dalle 16 alle 19, su prenotazione anche al mattino per gruppi di persone o scolaresche.

Leggi anche:  Arte come gioco collettivo: Sanremo dà il via a TravelArt