La segnalazione di un nostro lettore circa le condizioni di disagio vissute sui pullman RT.

Viaggio da incubo con il caldo sui bus RT: la segnalazione di un lettore

“Scrivo queste righe per denunciare la mancanza e il malfunzionamento dell’aria condizionata sulla maggior parte dei bus Rt che viaggiano nella tratta Ventimiglia-Taggia.

Più volte ho constatato che gli autisti sono costretti a lavorare ogni giorno in condizioni di estremo disagio e l’utenza come me a viaggiare in condizioni insopportabili. Su alcuni mezzi non è nemmeno possibile aprire i finestrini in quanto bloccati o con le maniglie rotte.

Più volte mi sono lamentato con gli autisti, che loro malgrado sono costretti a subire tale trattamento da noi utenti ma cosa possono farci? La loro risposta è sempre la stessa: a noi ci danno questi autobus e non possiamo fare altrimenti che guidarli, rivolgetevi agli uffici competenti.

Quindi inviterei i sindaci a intervenire e a richiedere la verifica del rispetto dei requisiti delle caratteristiche dei bus. All’interno delle vetture si crea spesso un clima invivibile con il rischio d’improvvisi malori sia per i conducenti che per l’utenza con conseguenze che potrebbero rivelarsi particolarmente gravi e che vedrebbero alta la responsabilità dell’azienda.

Leggi anche:  Val Roja: riaperta la strada chiusa per una frana

A Imperia, ho visto in questi giorni e mi hanno detto che sono arrivati sei bus nuovi con tutti i requisiti necessari al trasporto pubblico, questi sono utilizzati esclusivamente sulla tratta Andora-Sanremo! Mi chiedo il perché non condividerli anche con le altre tratte. Ci sono utenti di serie A e altri di serie B?

Questa domanda me la sono già posta anche altre volte essendo un assiduo frequentatore della RT. A difesa dei concittadini, utenti come me paganti e dei lavoratori dell’azienda, sarebbe quanto meno opportuno l’intervento dei sindaci partecipanti a pieno titolo, in primis il sindaco Biancheri che dopo la provincia e qui mi rivolgo al presidebrte Natta, ne detengono la maggioranza”.

Alessandro G.