Maltrattamenti

Un piemontese di 54 anni che chiedeva denaro e minacciava di morte l’ex convivente, di 45 anni, di Sanremo e il figlio di 13 anni avuto con lei, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti. La vicenda ha inizio nel 2017, quando la relazione – durata una quindicina di anni – si interrompe in maniera pacifica, con l’allontanamento volontario dell’uomo trasferitosi poco lontano.

Tutto bene, fino all’anno scorso, quando il cinquantaquattrenne comincia con le minacce di morte, gli insulti e le umiliazioni, nei confronti della donna e del ragazzo. Un comportamento sempre più aggressivo, culminato nel mese scorso con uno scatto d’ira nei confronti del tredicenne, costretto a scappare da casa del padre, dov’era andato dopo la scuola e ad allertare il 112.

Ma non è tutto. Si parla di minacce di morte e richieste di denaro, inviate per sms o telefono, che arrivavano a ogni ora del giorno e della notte. Inizialmente la donna ha cercato di placare l’ira dell’ex compagno, dandogli il denaro richiesto, ma in quel modo le minacce erano diventate ancora più insistenti, con frasi del tipo: “Ho delle katane (spade giapponesi, ndr), taglio la gola a te e a tua madre”. Per costringere la donna a sborsare ancora più soldi e per dimostrare che sarebbe passato alle vie di fatto, ha sottratto il cane dell’anziana madre, picchiandolo di notte, sotto casa. Una serie di episodi, che hanno indotto il gip del tribunale di Imperia a spiccare l’ordinanza di custodia cautelare.

Leggi anche:  Brucia magazzino di legna presso un agriturismo

Leggi QUI le altre notizie