Ucciso da un treno

Si chiama Domenico Zappia, ha 32 anni, ed era di Bordighera, il giovane travolto e ucciso da un treno regionale Ventimiglia-Genova, verso le 5.20, poco prima della stazione ferroviaria di Bordighera. E’ mistero sulle cause della tragedia. Non è ancora chiaro, infatti, se l’uomo si sia suicidato o se sia stata una disgrazia.

Stando a quanto finora ricostruito: il giovane avrebbe trascorso la serata con gli amici per un apericena; quindi sarebbe rientrato verso le 2 di notte per farsi una doccia e uscire di nuovo. Cosa è successo in quel frangente: tra le 2 e le 5.20? Sembra che il macchinista del convoglio regionale abbia visto la sagoma del giovane camminare sui binari con le spalle al locomotore.

A quel punto avrebbe azionato il freno di emergenza, senza tuttavia riuscire a evitare l’ostacolo. L’impatto è stato così violento – in quel tratto i treni viaggiano intorno ai 90 chilometri all’ora – che il corpo è stato dilaniato. Sul posto sono velocemente accorsi gli agenti della polfer, con i carabinieri e la polizia scientifica.

Leggi anche:  Le mille vite di Irene Brin nel cinquantenario della scomparsa

Non sono stati trovati biglietti di addio né in casa né sul luogo della tragedia. Con sé il giovane non aveva neppure documenti e telefonino e i sospetti che potesse trattarsi di Domenico si sono avuti, nel momento in cui il giovane non si è presentato a casa e i genitori hanno contattato i carabinieri. Il punto in cui è stato investito non è facilmente raggiungibile a piedi e molti restano gli interrogativi da chiarire. Innanzitutto per quale motivo camminasse solo sui binari a quell’ora. Sembra tra l’altro che non ci siano telecamere su quel tragitto.