Uccide maialino

Un pregiudicato di 32 anni, di Ventimiglia, Emanuel I., accusato di aver ucciso un maialino con un colpo di pistola alla testa, e di aver ripreso la scena con uno smartphone, è stato arrestato dalla polizia, che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, a firma del gip di Imperia. I fatti sono avvenuti, nel febbraio scorso, a Camporosso, ma l’episodio – dettato da una semplice crudeltà – è trapelato soltanto mesi dopo, nel corso di un’altra indagine, durante la quale gli investigatori hanno raccolto e verificato alcune indiscrezioni.

Gli agenti del commissariato di Ventimiglia sono così riusciti ad acquisire le immagini video con le quali l’autore del reato aveva voluto documentare il crudele gesto.

Malgrado la pistola non sia stata ancora trovata, la buona qualità delle riprese ha documentato l’accaduto in tutta la sua brutalità, consentendo agli investigatori di individuare con certezza il tipo di arma utilizzata: una pistola calibro 8 “a salve”, abilmente modificata e trasformata in un’arma capace di sparare cartucce calibro 7.65 browning.

Leggi anche:  Ventimiglia presenta il calendario delle festività natalizie. Scarica

Il giovane è accusato di: uccisione di animali, detenzione illegale di arma comune da sparo – dato che, dopo le modifiche tecniche apportate, la pistola a salve, era di fatto divenuta un’arma da sparo a tutti gli effetti – detenzione di arma clandestina e ricettazione dell’arma. Indagini sono in corso per risalire alla provenienza dell’arma.

Leggi QUI le altre notizie

Il video della polizia