La Polizia di Stato ha denunciato un giovane cittadino italiano per porto abusivo di armi. Si aggirava con due amici tra le barche del porto di Oneglia

Il giovane trovato in possesso di un coltello con una lama di 14 centimetri

Nel pomeriggio di ieri, nell’ambito delle quotidiane attività di controllo del territorio, gli agenti della Polizia di Stato denunciavano un giovane di vent’anni, originario moldavo, per porto abusivo di armi, procedendo altresì all’immediato sequestro.

L’equipaggio della Squadra Volante, notando tre ragazzi che si aggiravano tra le imbarcazioni lungo il molo di Oneglia, decideva di soffermarsi per un controllo.

Alla domanda degli agenti su cosa stessero facendo, i ragazzi non davano risposta ed uno dei tre si mostrava particolarmente insofferente alla presenza dei poliziotti.

All’esito degli accertamenti, due dei tre ragazzi, pur molto giovani, risultavano avere già diversi precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti.

Il terzo, incensurato, aveva un atteggiamento particolarmente agitato ed il suo nervosismo aumentava e diveniva palese alla richiesta degli operatori riguardo al contenuto del borsello che portava con sé.

Leggi anche:  Drammatico schianto frontale sull'Aurelia a Bordighera: 2 feriti

Gli operatori decidevano così di procedere ad una perquisizione dello stesso, rinvenendo un coltello a serramanico con lama di circa 14 cm.

Non sapendo il ragazzo giustificare il possesso dell’arma, gli agenti procedevano al sequestro del coltello e alla denuncia per porto ingiustificato.