Migrante

Un migrante di 25 anni, del Gambia, che rischiava l’ipotermia, dopo essere rimasto per ore intrappolato nel rimorchio di un tir parcheggiato nell’autoporto, di Ventimiglia, in attesa che l’autista ripartisse per la Francia, è stato salvato dai carabinieri. E’ stato lo stesso straniero ad allertare i soccorsi, chiamando il 112. Parlando in inglese, ha raccontato di essere in difficoltà, al buio, rinchiuso in un rimorchio completamente vuoto e del quale non era in grado di riferire la posizione. I carabinieri sono riusciti a rintracciarlo grazie alla “sirena” della pattuglia.

Il soccorso

Il militare di centrale, infatti, ha chiesto al migrante di indicare l’intensità con cui sentiva la sirena e in base al volume di quest’ultima, ha potuto riferire ai colleghi la posizione. Alla fine è stato rintracciato e salvato. Il giovane, infreddolito ma in buone condizioni di salute, ha raccontato di essere arrivato, la notte prima, alla stazione ferroviaria di Ventimiglia e di aver raggiunto subito l’autoporto, dove sperava di avere la possibilità di oltrepassare la frontiera, nascondendosi in un tir. Dopo lunghe ore di attesa a bordo del mezzo, alla fine ha allertato i soccorsi a causa del freddo. Trattandosi di un soggetto irregolare, successivamente è stato denunciato.

Leggi QUI le altre notizie

Leggi anche:  Rissa dal parrucchiere in via Pietro Agosti, tre denunciati dalla polizia