Soccorso imperiese in difficoltà

Soccorso imperiese scricchiola. La denuncia del sindacato Vigili del Fuoco

Il rogo di ieri a Taggia, in regione Licheo (Leggi QUI)- in cui è rimasto anche lievemente intossicato un pompiere – ha messo in luce, secondo L’Unione Sindacale di Base, la fragilità del comparto dei Vigili del Fuoco nella provincia di Imperia. La stessa sigla interviene con una nota per sottolineare quanto sostenuto, in realtà, già da tempo. QUI aggiornamenti sulla situazione a Taggia e sull’altro grande incendio a Seborga 

“Territorio fragile”

L’incendio di ieri – scrive il coordinamento – ad un autodemolitore della valle argentina , gli incendi boschivi di questi giorni, i soccorsi alle persone fatte dalla nelle situazioni ambientali più disparate effettuate dalla montagna alla spiaggia mettono alla luce, semmai c’è ne fosse ancora bisogno, quanto sia fragile il territorio ligure e quanto tutto sia importante un’opera di prevenzione a 360 gradi. Quando la prevenzione non è sufficiente e ci sono eventi meteorologici estremi abbiamo bisogno di un sistema di soccorso forte, distribuito ed efficace”

Sistema in crisi nelle emergenze di tutti i giorni

Nel rogo di ieri – continua la nota – a Taggia,  i Vigili del Fuoco sono intervenuti con squadre da tutte le sedi della provincia di Imperia, altre in supporto provenienti dal comando di Savona e personale richiamato a casa in servizio straordinario. Il sistema è messo a dura prova non solo su eventi di grande entità come il “ponte Morandi” ma anche le emergenze di tutti i giorni”

Potenziare Sanremo e reintegrare dopo pensionamenti

Nonostante la collaborazione con protezioni civili locali, questo sistema è sistematicamente messo a dura prova. Un anello debole sembra essere il distaccamento di Sanremo, secondo il sindacato, sguarnito.  “Abbiamo bisogno di potenziare i Vigili del Fuoco della provincia di Imperia – specificano dal sindacato- aggiungendo di fatto una squadra in più presso il distaccamento di Sanremo e coprendo le carenze attuali e quelle dei prossimi mesi dovute ai prossimi pensionamenti. Il sistema generale di protezione civile ha bisogno di essere rielaborato a livello nazionale e l’esperienza ligure di collaborazione stretta con le squadre di protezione civile sta dando i propri frutti in tutte le occasioni nelle quali è necessario l’unione delle forze messe in campo per dare risposte alla cittadinanza”

Dossier nelle mani di Salvini

Come sindacato USB Vigili del Fuoco Liguria – aggiunge la nota – abbiamo consegnato a Genova nelle mani del ministro Salvini un dossier nel quale sono elencate le problematiche regionali dei Vigili del Fuoco e ci piacerebbe – conclude –che tutta la politica si mobiliti in questo ambito con atti concreti che da subito potranno essere percepiti dalla popolazione della provincia e di quella di tutta la regione Liguria”

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera