Raid vandalico

Un diciannovenne italiano, ma di origine marocchina, che nella notte del 9 giugno scorso ha abbattuto otto scooter per strada, in corso Orazio Raimondo, via Manzoni e via Asquasciati, a Sanremo, molto probabilmente in preda ai fumi dell’alcol, è stato rintracciato dalla polizia municipale che lo ha denunciato per danneggiamento aggravato ed ora dovrà anche risarcire i proprietari dei motoveicoli.

Gli agenti, guidati al comandante Claudio Frattarola, sono risaliti a lui grazie all’esame delle telecamere. I fatti sono avvenuti alle 4 circa del mattino.

“Non ricordo nulla, devo aver bevuto parecchio quella sera”, ha affermato il ragazzo, una volta che i vigili sono entrati in casa per notificargli l’atto. “Le indagini sono partite dopo che la mattina successiva abbiamo ricevuto le prime denunce – afferma Frattarola – il giovane, che all’epoca aveva ancora diciotto anni, si trovava assieme a un gruppetto di amici che abbiamo identificato, ma nei loro confronti non sono stati adottati provvedimenti, in quanto non hanno partecipato al raid vandalico”.

Leggi QUI le altre notizie

Leggi anche:  Ordinanza di ferragosto a Bordighera: ecco i divieti

VIDEO