Due richiedenti asilo: di 20 e 21 anni, in carico a una cooperativa, sono stati denunciati dalla polizia per detenzione e spaccio di droga. Il ventenne, in particolare, è stato sorpreso mentre cercava di disfarsi di un sacchetto con 22 grammi di marijuana, lanciandolo dal balcone di casa, alla vista della polizia.

Il giovane è stato incastrato dal cane antidroga che gli ha trovato sulle mani alcune tracce dello stesso stupefacente. Nel portafogli la polizia ha rinvenuto diverso denaro in contante, probabile provento dello spaccio.

Il ventunenne, invece, è stato trovato con un macina erba (grinter), solitamente utilizzato per il taglio dei cannabinoidi, sul quale il cane antidroga ha fiutato ancora tracce di stupefacenti.

Da una perquisizione domiciliare, dentro un comodino, occultato in un paio di scarpe, gli agenti hanno trovato un sacchetto con sei involucri per complessivi 18 grammi di marijuana già confezionati.

Nello stesso cassetto c’era pure un sacchetto con della sostanza utilizzata per il taglio di cocaina ed eroina. Si tratta del secondo intervento con le unità cinofile, in città, nel giro di un paio di settimane.

Leggi anche:  Deve smaltire traliccio, parte la interra: 5.000 euro di multa e 2 indagati

Pochi giorni fa un altro nigeriano è stato arrestato dalla polizia che lo ha trovato con 120 grammi di hashish, unitamente a una cospicua somma di denaro non giustificata.