Scajola

“Non vorrei apparire arrogante, ma credo che in cuor suo nemmeno il dottor Lombardo possa credere all’assurdità dell’impianto accusatorio, confuso e pasticciato».

Lo ha detto, durante una pausa dell’udienza, l’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola, processato a Reggio Calabria con l’accusa di avere aiutato la fuga all’estero dell’ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena.

«In tutti questi anni, lunghi e dolorosi – ha detto ancora l’attuale sindaco di Imperia – sono state messe in piedi contro di me ipotesi che non tengono minimamente in conto quanto é emerso dal dibattimento, che ha più volte contraddetto le convinzioni dell’accusa».

Leggi QUI le altre notizie