Oggetto non identificato

Un oggetto non identificato è stato avvistato nel cielo di Diano Marina. Del caso se ne sta occupando ora l’associazione “Aria”. Stando a quanto ricostruito: l’oggetto evidenziato nella foto è rimasto immobile per diversi secondi prima di spostarsi lentamente verso il tetto dell’abitazione e scomparire alla vista dietro di esso.

Essendo stato avvistato, quando a Diano era in corso il tradizionale mercatino d’antiquariato: “L’oggetto è stato notato da molte persone contemporaneamente che hanno richiamato la mia attenzione – afferma chi ha segnalato l’avvistamento – e quella di altri, quindi è stato visto chiaramente da non meno di 10 o 12 testimoni”.
Spiega Angelo Maggioni dell’associazione Aria: “Chi scrive è il famoso scrittore e radiofonico Luca Valentini che, assieme alla compagna Nahida Furnari, è stato testimone di un evento particolare a diano Marina. Le foto risultano scattate con uno smartphone. Il fototecnico ha appurato che gli scatti non risultano essere manipolati o alterati, con una misurazione ponderata al centro, tipo di messa a fuoco. Seppur distanti, si ipotizza sopra i 1500 metri, le due sfere sono visibili nello scatto”.

L’ufologo ligure Maggioni

ricorda che riconoscere l’origine sconosciuta di un oggetto non significa attribuirne l’origine extraterrestre e questo lo sa bene anche l’amico Luca che nel suo recente libro ha esposto i vari casi e casistiche, scoprendo appunto che il 95% dei casi sono risolti in fenomeni naturali, oggetti terrestri e via dicendo.

Leggi anche:  Diano Marina traina il turismo nel Ponente, ad agosto quasi +20% di arrivi

“Nell’avvistamento di Diano Marina possiamo escludere aerei – ancora Maggioni – in quanto si è provveduto a vari confronti con diversi scatti di aerei in alta quota; droni per via dell’eccessiva altezza; volatili vari, sonde e via dicendo. Il comportamento anomalo, come sostare per qualche minuto e poi muoversi per allontanarsi lo colloca nel fenomeno ufologico come oggetto volante non identificato”.

Maggioni spiega che la Liguria è certamente una regione molto attiva con zone specifiche (Rapallo-portofino, Genova -Torriglia, Savona- Madonna degli Angelo , Colle Melogno- Finale Ligure, Ventimiglia – Monte Agel) ad alta intensità che pongono interrogativi sulla loro costante presenza, eventuali obbiettivi l’ufologo spiega che la loro massiccia presenza potrebbe essere dovuta a rifornimento di una qualche energia presente in quelle zone che noi o non conosciamo o sottovalutiamo come importanza. Per qualsiasi informazione e per inviare foto e video all’associazione si prega di utilizzare la seguente mail: inforicercaitalianaaliena@gmail.com

Leggi QUI le altre notizie