Hagere Kilani, la principessa del Parasio uccisa 19 anni fa a Imperia, è stata ricordata oggi pomeriggio con una cerimonia in piazza Parasio.

La cerimonia

Oggi pomeriggio, alle 17:30, Hagere è stata ricordata con una cerimonia in piazza Parasio. Un momento di raccoglimento per la “principessa del Parasio” fortemente voluto dal papà Abdel, dalla sua famiglia e dai suoi concittadini imperiesi.

Una vicenda che resta ancora una ferita aperta per la città, sconvolta ancora oggi dalla brutalità dell’assassinio della bimba.

A intervenire durante la commossa cerimonia, Giacomo Raineri, in rappresentanza della comunità del Parasio e del comune di Imperia.

La tragedia della bimba Hagere Kilani

Aveva solo 4 anni Hagere Kilani, bimba di origine tunisine, quando venne uccisa brutalmente a coltellate a Imperia. La bimba era in sella alla sua bicicletta, in compagnia di un altro bambino, quando scomparve nel nulla. La madre iniziò subito a cercarla per le vie della città, invano. Il suo corpo venne ritrovato senza vita in un appartamento vicino.

Leggi anche:  Imperia: strada asfaltata cede per ben due volte

Solo un mese più tardi venne ritrovato il suo assassino. Vasile Donciu, giovane rumeno all’epoca ventenne, venne fermato in fuga al confine tra la Romania e l’Ungheria. Durante gli interrogatori, confessò di aver assunto anche delle pastiglie di ectasy. “Ero su di giri – disse – non l’avrei ammazzata se non avesse gridato”. L’uomo ebbe paura che la madre, che urlava il nome di Hagere per le strade, potesse sentire la sua voce e così scoprirlo.