Circoncisione

Un neonato è morto in seguito ad una circoncisione fatta in una casa. E’ avvenuto la scorsa notte a Quezzi. Sulla vicenda indaga la squadra mobile. La madre e la nonna del piccolo, nigeriane, sono state portate in questura per essere interrogate. La madre e la nonna del bambino morto sono state arrestate per omicidio preterintenzionale. Con loro arrestato anche un africano considerato dalle donne un ‘santone’ che avrebbe praticato la circoncisione. L’uomo è stato bloccato a Ventimiglia.

Secondo quanto appreso

sarebbero state le stesse donne a chiamare il 118. Una volta arrivati i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del neonato e chiamare la polizia. Il piccolo aveva poche settimane di vita, la madre è una venticinquenne. Il padre è lontano dall’Italia. Secondo gli investigatori a praticare la circoncisione potrebbe essere stata una terza persona chiamata dalle due donne. Le indagini del caso sono coordinate dal sostituto procuratore Daniela Pischetola che potrebbe ipotizzare l’omicidio preterintenzionale. Gli uomini della Squadra mobile diretti dal dirigente Marco Calì, stanno controllando i cellulari della madre e della nonna del neonato morto per risalire ai contatti avuti negli ultimi giorni.

Leggi anche:  Beccato con abiti e un profumo rubati nello zaino: nei guai 31enne

Solo pochi giorni fa, alla fine di marzo, un altro intervento di circoncisione ‘fai da te’, fra le mura di casa, risultato fatale. In Italia, ogni anno, avvengono 5mila circoncisioni l’anno, il 25% sono clandestine.

Leggi QUI le altre notizie