Fino allo scorso marzo guidava l’automobile ed è stato lui, al momento della scadenza, a scegliere di non rinnovarla per motivi di sicurezza.

Morto Francesco Zappone, cittadino doc di 101 anni

Aveva spento la bellezza di 101 candeline lo scorso giovedì 6 settembre, Francesco Zappone, cittadino di Taggia che non smetteva mai di stupire chiunque lo incontrasse per la sua simpatia e lucidità. Fino allo scorso marzo guidava l’automobile ed è stato lui, al momento della scadenza, a scegliere di non rinnovarla per motivi di sicurezza.

Per i suoi 100 anni era stato ricevuto dal sindaco Mario Conio ed era ovviamente stato festeggiato dalla sua famiglia e dai suoi amatissimi nipoti Francesco, Federico e Simonetta.

Nel 2017, era stato premiato dal sindaco di Taggia e dal presidente regionale Toti nell’ambito della manifestazione OliOliova durante la presentazione della campagna di comunicazione “La Taggiasca siamo noi”. Per l’occasione, il cittadino ligure doc che all’epoca ancora guidava, era arrivato a bordo della sua ape.

La nipote Simonetta ha salutato il nonno con un post commovente sul suo profilo Facebook, corredato dalla fotografia qui in alto. Di seguito la sua bellissima lettera.

Leggi anche:  Ladri a scuola rubano 6 computer portatili

“Sei arrivato a 101 anni con un fisico e una testa da far invidia ad un giovane, poi si sa che a quell’età basta una piccolezza per far crollare tutto. In questo ultimo mese non sapevo cosa augurarti, una parte di me era incarognita con la medicina che, ormai, si accanisce e porta allo stremo delle forze anche quando il desiderio è andarsene in modo dignitoso, dall’altra c’era l’egoismo forse per il troppo bene che ti volevo di sperare in una ripresa magica, e, poterti rivedere in mezzo alla tua amata campagna. L’augurio più grande che io possa fare ai miei figli un domani che diventerò Mamma, è di ricevere da un Nonno tutto l’amore e le attenzioni che Francesco, Federico ed io abbiamo avuto la fortuna di ricevere da te. Ciao Nonno vola in sella alla tua mitica Ape. Grazie di tutto”.