E’ morto ieri notte, a 72 anni, nella sua casa di Biella, Orazio Scanzio, dal ’99 al 2004 ex presidente della Provincia di Biella. Imperia, dove la famiglia Scanzio possiede una residenza, era da sempre la sua seconda casa. A Imperia, durante il suo mandato, faceva spesso riunire la sua giunta.  Ex Forza Italia, Orazio Scanzio, che alle ultime elezioni ha sostenuto il candidato indipendente avversato dal suo ex partito (che ha sostenuto il candidato della Lega) lascia la moglie Carole Succio e le due figlie Carlotta e Valeria.

Storico direttore dell’associazione edili di Biella, a fine anni 90 si distinse per la sua battaglia contro la realizzazone di un inceneritore in un comune alla periferia di Biella, che infatti non si fece. Una battaglia che lo lanciò nel panorama politico biellese e lo portò a vincere le elezioni provinciali.

Appassionato collezionista di auto d’epoca, nel 2016 comparì -al volante di una sua auto degl anni ’50 – in una sequenza del film per la tv dedicato a Luisa Spagnoli, la fondatrice della Perugina.

Leggi anche:  Spinte e insulti sessisti dopo il tentato furto, denunciato

Domani, martedì 14 gennaio, alle 10, nel comune di Candelo, verrà celebrato il funerale.

Orazio Scanzio al volante di una sua auto d’epoca con Gildo Zegna, a capo del gruppo tessile Ermenegildo Zegna