Rivolta in carcere

Un gruppo di detenuti stranieri ha improvvisato una mini , oggi, in carcere a Sanremo, quando al termine delle attività ricreative, si è rifiutati di rientrare in cella. L’unico agente in servizio è anche stato minacciato con un bastone e, malgrado i ripetuti tentativi di convincimento a desistere, è stato necessario l’intervento di rinforzi. All’origine della protesta, sedata soltanto dopo un paio d’ore, ci sarebbe il trasferimento di un detenuto ad altro carcere.

L’intervento del Sappe

“E’ inspiegabile la gestione dell’istituto di Sanremo che per noi sembra lontana dal rispetto delle regole rieducative, molto permissiva e tollerante per i detenuti – spiega Michele Lorenzo, segretario regionale del Sappe Liguria, il sindacato della polizia penitenziaria -. ricordiamo, che a luglio un detenuto ha colpito, con una sventagliata di pugni, il volto di un agente in servizio. Questo ennesimo episodio, benché ben gestito dal personale di turno, avrebbe potuto prendere anche un risvolto ben più pericoloso dato che un detenuto era armato con un rudimentale bastone ricavato dalla ‘gamba’ di un tavolo”.

Leggi anche:  Polizia cattura latitante rientrato in Italia per vedere i figli

Leggi (QUI) le altre notizie