Madonna di Polsi

E’ scoppiato un caso a Ventimiglia, dopo la partecipazione di sabato scorso, del consigliere comunale Massimo Giordanengo (Lega), alla processione della Madonna di Polsi, che si è tenuta, dopo una messa nella chiesa di San Michele Arcangelo. Un evento quest’ultimo originario di Reggio Calabria, che in passato ha fatto discutere per la presunta vicinanza, di personaggi delle criminalità organizzata.

Il referente ligure della Casa della Legalità, Christian Abbondanza, riprendendo le dichiarazioni rese ai quotidiani online presenti in un’intervista, punta il dito contro Giordanengo accusando quest’ultimo di rappresentare il Comune.

Sollecita, d’altra parte, è la presa di distanza del sindaco Scullino, che così commenta: “La partecipazione del consigliere Giordanengo era a titolo personale, come ha dichiarato lui stesso, in quanto la celebrazione religiosa era in piazza Colletta presso la chiesa di San Michele, dove il consigliere abita e dove si stavano raccogliendo fondi per riacquistare un video proiettore per la scuola materna di via al Cavo, alla quale partecipavano altre associazioni cittadine. Giordanengo ha la mia massima fiducia e non trovo decoroso che venga impropriamente citato”.

Leggi anche:  Auto in fiamme, un ferito sull'A10 traffico interrotto al confine

E ancora: “L’amministrazione non ha partecipato volutamente alla celebrazione religiosa perché ritiene inopportuno festeggiare la Madonna di Polsi che nulla ha a che vedere con le nostre tradizioni religiose. Nulla in contrario, ci mancherebbe con chi ha partecipato per devozione religiosa, ma prendiamo le distanze in modo assoluto e tranciante dai fatti che il luogo Polsi richiama. Presto con orgoglio verrà inaugurata la piazza intestata a Falcone e Borsellino, il primo atto amministrativo assunto dalla mia Giunta”.

Leggi QUI le altre notizie