Poche ore prima della finale del 69° Festival di Sanremo, una decina di attivisti vegani dell’associazione Iene Vegane hanno manifestato prima in Via Matteotti e poi davanti al Teatro Ariston per sensibilizzare i media e l’opinione pubblica.

Iene vegane protestano al “Festival dell’Armonia”

Alcuni di loro con maschere di animali, hanno brandito  strumenti muti (chitarra senza corde, microfono senza amplificazione, tamburello rotto) a simboleggiare l’impossibilità degli animali di esibirsi e di far sentire “la propria voce”.Gli altri attivisti hanno mostrato dei cartelli con citazioni di cantanti e personaggi di spicco della scena musicale italiana e internazionale che hanno già fatto una scelta etica e vegana.

“Come può la vista sopportare l’uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi, Non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue?”(Franco Battiato)”Poter mangiare con serenità, senza che alcun essere vivente soffra per permettermi di vivere è qualcosa che mi fa star bene”(Red Canzian)”Non si può mangiare ciò che ha un volto.Se i macelli avessero le pareti di vetro saremmo tutti vegetariani”(Paul McCartney) e poi”Riusciresti a guardare negli occhi un animale e dirgli: “Il mio appetito vale più della tua sofferenza”? (Moby)

Leggi anche:  Il Volo rompe il silenzio: "Ecco che cosa ci è successo al Festival, questo è bullismo"

“Salvare milioni di vite”

Gli organizzatori affermano:”Baglioni ha dichiarato che questo sarebbe stato “Il Festival dell’armonia” e che “Gli artisti possono essere almeno i trombettieri di qualche buona battaglia”, ecco perché, nella ricerca dell’armonia nostra e del pianeta in cui viviamo, non possiamo dimenticare i milioni di animali che ogni anno vengono allevati, torturati e uccisi e che sono anche tra le principiali cause di cambiamenti climatici, deforestazione e spreco di risorse (i raccolti  destinati alla zootecnia potrebbero sfamare le popolazione che ancora soffrono la fame)”

“Chiediamo agli artisti sul palco – continuano – e agli spettatori di riflettere, perché solo la consapevolezza ci rende liberi di scegliere e le nostre scelte possono salvare milioni di vite e il nostro pianeta.”