Calci e pugni

Un giovane nordafricano ha scatenato il panico su un autobus della riviera Trasporti, verso le 19 di ieri, in zona Nervia, a Ventimiglia. Dopo essere salito sull’autobus, l’uomo ha cominciato a prendere a calci e pugni i vetri del mezzo, creando un fuggi fuggi tra i passeggeri. C’erano anche alcuni giovani che sono scappati chiedendo aiuto. Sul posto è intervenuta una pattuglia del commissariato che ha fermato l’uomo, portandolo in caserma.

I particolari

I fatti sono avvenuti a bordo di un veicolo della società Riviera Trasporti, sulla linea Ventimiglia – Dolceacqua – Apricale.
allontanati.

Il marocchino in stato di alterazione alcolica era già stato fermato da due operatori del Reparto Mobile di Torino, attualmente aggregati al Commissariato di Pubblica Sicurezza.
I due Agenti, liberi dal servizio, per caso nelle vicinanze, intervengono per bloccare il giovane.

All’arrivo del bus l’uomo, appena ventenne, trangugiando birra da una bottiglia in vetro, aveva preteso, con grande arroganza e atteggiamento oltremodo aggressivo, di salire a bordo senza pagare il biglietto, dando segni evidenti di uno stato di alterazione alcolica.

L’ovvia replica dell’autista, che aveva cercato di indurlo a ragione e a rispettare il regolamento di viaggio, aveva scatenato una reazione tanto scomposta quanto ingiustificata, tanto da indurre un passeggero, di nazionalità francese, ad intervenire in difesa del dipendente R.T.

Per tutta risposta il marocchino, prima di essere persuaso a scendere dal mezzo, lo aveva colpito al volto e aveva urlato frasi incomprensibili e minacciose rivolte a tutti passeggieri, nonostante il loro atteggiamento assolutamente remissivo.

Leggi anche:  Migranti: comitato Scullino boccia il "buonismo" del Pd

Non pago il giovane, subito dopo la chiusura delle porte, aveva spaccato minacciosamente la bottiglia e preso a colpire ripetutamente, con violenti pugni, il finestrino lato guidatore e il parabrezza continuando ad urlare rabbiosamente all’indirizzo dell’autista prima di essere definitivamente bloccato dal provvidenziale intervento degli Agenti della Polizia di Stato.

I danni riportati dal vetro si rivelavano talmente gravi da costringere l’autista a interrompere definitivamente la prosecuzione del servizio di pubblico trasporto e a richiedere l’invio sul posto di un veicolo sostitutivo.

Gli operatori della Squadra Volante, durante le procedure di Legge eseguite nel Commissariato, accertavano anche irregolarità relative alla sua presenza sul territorio nazionale che l’Ufficio Immigrazione della Questura di Imperia sta valutando in vista di una sua possibile espulsione.

A causa dell’incomprensibile comportamento dell’indagato, oltre al danno economico patito dalla Società di trasporto, il servizio pubblico è rimasto bloccato per oltre un’ora con pesante disagio per i passeggeri lungo la linea. L’uomo è stato già deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di percosse, danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio.
Ulteriori provvedimenti potrebbero essere adottati al termine della procedura amministrativa aperta a suo carico.

Leggi QUI le altre notizie