Una ventina di genitori degli alunni iscritti alle medie ed elementari “Cavour” di Ventimiglia Alta ha protestato, stamani, davanti all’ingresso dell’istituto, contro l’inagibilità della scuola, che comporterà, entro il mese prossimo, il trasferimento dei centosettanta alunni: a Roverino e al plesso scolastico di via Vittorio Veneto.

Alcuni genitori, tra l’altro, non fatto entrare i figli a scuola, chiedendo garanzie sulla ristrutturazione dello stabile e la sicurezza dei ragazzi. Nei giorni scorsi, si era staccata una finestra da un’aula; prima ancora si erano registrate cadute di intonaci e via dicendo. Tanto che una quindicina di giorni fa i vigili del fuoco hanno dichiarato inagibile l’edificio scolastico.

“Quando piove, le classi all’ultimo piano si allargano per le infiltrazioni dai soffitti – hanno dichiarato alcuni genitori -. Vogliamo certezze dal sindaco e soprattutto chiediamo che la scuola non chiuda, perchè in questo quartiere (Ventimiglia Alta, ndr) vivono seimila persone, che non possono mandare i figli a studiare nella città bassa. Se il sacrificio dobbiamo farlo fino a settembre, bene, ma in questo lasso di tempo, però, devono mettere a norma l’edificio”.

Leggi anche:  Uomo cade dalle scale. In arrivo l'elisoccorso

I genitori chiedono un incontro con il sindaco e soprattutto vogliono leggere la perizia dei vigili del fuoco. Alcuni genitori hanno minacciato una protesta ad oltranza, in mancanza di garanzie. Altri, invece, hanno continuato a far entrare i propri figli, come se nulla fosse accaduto.