Due arresti relativi al tentativo di furto avvenuto pochi giorni fa al ristorante “Daniele”, a Ventimiglia.

Furto al ristorante: arrestati due giovani

Nella notte tra giovedì e venerdì i Carabinieri di Ventimiglia hanno arrestatp in flagranza di reato un giovane extracomunitario per il tentativo di furto all’interno del ristorante “Da Daniele”. Il locale si trova a Ventimiglia, sul Lungomare Varaldo in zona Nervia. I Carabinieri avrebbero individuato anche un complice, un giovane 20enne con il compito del “palo”. Entrambi erano ospiti presso il C.A.T. della Croce Rossa al Campo Roja.

Il primo, di 28 anni, doveva entrare attraverso una finestra dal retro del ristorante e asportare quanto possibile. Il secondo, invece, doveva rimanere all’esterno a controllare la situazione.

Nessuno dei due si è però accorto che all’interno del ristorante vi erano ancora i proprietari, intenti a riordinare il locale dopo una serata di lavoro. Così, mentre la moglie del titolare ha allertato tempestivamente i soccorsi, il proprietario ha deciso di affrontare il giovane tunisino all’interno della cucina.

Leggi anche:  Schianto in scooter sulla Statale 20, gravissimi due giovani

Ne è nata tra i due una colluttazione terminata solo grazie all’intervento dei militari. Il proprietario del ristorante, soccorso al Pronto Soccorso di Bordighera, ha riportato sette giorni di prognosi per una contusione allo zigomo sinistro.

I due giovani, entrambi in evidente stato di ubriachezza, sono invece stati accompagnati in caserma per i dovuti accertamenti. Il 28enne tunisino è stato dichiarato in arresto per tentata rapina impropria e lesioni personali. È stato dunque condannato a 2 anni di reclusione e 600,00 euro di multa, con pena sospesa.

Il 20enne marocchino che eseguiva le funzioni di “palo” all’esterno del locale, è invece stato denunciato in stato di libertà per aver concorso nel tentativo di furto aggravato. Dopo aver accertato che si trattava di uno straniero irregolarmente presente sul territorio nazionale, è stata altresì disposta l’espulsione verso il proprio Paese di origine.