Il sub è morto la notte scorsa di ritorno da un’immersione

Fissati i funerali del 33enne Enrico Creta

Sono stati fissati i funerali del sub di 33 anni Enrico Creta morto la notte scorsa mentre stava rientrando da una immersione. Le esequie si terranno venerdì 16 agosto alle ore 16.30 nella parrocchia della Mercede a San Martino.  (leggi qui)

Creta lascia la mamma Angela, insegnante, il papà Libero, bidello e responsabile de Il Timone a Porto Vecchio e la sorella Elisa.

A causare la morte, avvenuta presumibilmente nelle acque di Santo Stefano al Mare, in prossimità di una secca dove Creta si era immerso per una battuta di pesca, sarebbe stata una sincope che lo ha colto a circa 25 metri di profondità. A riprendere i drammatici momenti in cui il giovane è stato colto da un malore la sua telecamera GoPro con cui era solito riprendere le sue uscite in mare. Dopo aver catturato un grosso pesce – avrebbero chiarito le immagini della GoPro recuperata sul fondale di Santo Stefano – il sub sarebbe andato in difficoltà e da qui il malore fatale. Il corpo senza vita è stato poi trascinato dalla corrente a diverse miglia, fino a Pian di Poma, confine di ponente di Sanremo, dove è stato recuperato verso le 11 di ieri mattina.