Ferragosto: Guardia Costiera imperiese rafforza il dispositivo

Continua l’operazione Mare Sicuro della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Imperia.Nelle ultime settimane sono state registrate, nel territorio imperiese e dianese, diverse sanzioni amministrative per un ammontare pari a circa 8.000 euro,. Le più frequenti irregolarità, che continuano a verificarsi, riguardano l’alta velocità dei natanti.

Con l’avvento della settimana calda della stagione estiva 2018, la Guardia Costiera di Imperia ha deciso di mettere in campo un dispositivo rafforzato di pattuglie via terra e motovedette via mare, al fine di contribuire nell’azione di prevenzione tesa a garantire un’estate sicura
Nella fascia costiera dei 1.000 metri dalla costa si rammenta che la velocità delle unità in transito non deve superare i 10 nodi.Si ricorda inoltre che nei porti e nelle loro vicinanze si deve procedere a lento moto e con la massima cautela, in quanto la velocità massima consentita è di 3 nodi.
Altra zona sensibile è quella interessata dai corridoi di lancio delle unità da diporto, riconoscibili da due file di boe parallele poste perpendicolarmente alla costa: all’interno di questa zona la balneazione è vietata, ed il transito deve comunque avvenire a lento moto.

Gli sportivi che utilizzano queste ultime possono praticare la loro attività lontano dalla zona di balneazione, vale a dire quella fascia di mare ricompresa nei 200 m dalle spiagge e nei 100 m dalle coste a picco. Ai surfisti, ma soprattutto ai kyte-surfisti e ai windsurfisti, la raccomandazione ulteriore,
legata alla loro sicurezza e non solo a quella dei bagnanti, è quella di porre la massima attenzione alle condizioni metereologiche soprattutto relativamente al vento, che potrebbe contribuire ad allontanarli dalla costa, rendendo estremamente difficile il rientro a terra.Sulle spiagge purtroppo si sono verificati alcuni decessi naturali e malori nei giorni passati. La raccomandazione è quella di affrontare il gran caldo, rinfrescandosi spesso senza bere o mangiare però alimenti troppo freddi e facendo il bagno solo dopo 2 o 3 ore dall’ultimo pasto, non esporsi troppo al sole, evitare di nuotare da soli o di sforzarsi troppo. E buona norma, prima di una lunga nuotata, informare qualcuno a terra