Si è chiusa con una transazione di 240mila a favore di Roberto Mento la causa di lavoro tra l’ex primo assistente alla direzione Giochi e il Casinò di Sanremo, che lo aveva licenziato nel dicembre 2016. L’interruzione del rapporto di lavoro “per essere venuto meno il rapporto di fiducia” era arrivato dopo circa 7 anni di sospensione in seguito all’inchiesta per i presunti furti sulle navi da crociera Msc, di cui Mento con altri due soci, gestiva i tavoli da gioco. Per quella vicenda Roberto Mento – che era stato anche arrestato con il bresciano Roberto Greco e il torinese Angelo Balzelloni – fu assolto in appello dai furti e condannato a  2 anni e 8 mesi per associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei furti.

L’articolo completo su La Riviera in edicola da oggi