Pronto soccorso

Una rissa divampata, verso la mezzanotte, in zona Foce a Sanremo, tra quattro magrebini che si sono affrontati con calci, pugni e qualche coltellata, è proseguita nella notte nella sala d’aspetto del pronto soccorso dell’ospedale Borea, nella città dei Fiori, dove i contendenti hanno scatenato l’inferno riuscendo addirittura a scardinare una porta. Il primo a intervenire è stato un agente della vigilanza privata dell’ospedale, che ha fatto entrare i parenti degli altri degenti dentro la stanza del pronto soccorso, in modo che potessero trovare rifugio.

L’intervento dei carabinieri

Nel frattempo sono sopraggiunte due pattuglie dei carabinieri, allertate al 112. Due i militari feriti: uno dei quali ha riportato contusioni a un braccio e l’altro una ferita da taglio, ma non è ancora chiaro se con una lama o altro. La situazione è tornata alla normalità, dopo oltre un’ora (si parla di due ore) ma la vicenda è ancora in corso di ricostruzione ed è in corso anche la conta dei danni.

Leggi anche:  Video di terrorismo di matrice islamica su facebook, accusato 51enne di Perinaldo

Lo spray al peperoncino

Ci sarebbero state anche alcune spruzzate di spray al peperoncino, con alcune persone che si sono sentite male, ma anche questo particolare è in corso di accertamento. Gli investigatori hanno acquisito i filmati delle telecamere dell’ospedale per ricostruire la vicenda.

Il direttore dell’Asl 1 Imperiese

“Ringrazio il personale del pronto soccorso per il tempestivo intervento, valso a mettere in sicurezza i parenti dei degenti – ha affermato il direttore generale dell’Asl 1 Imperiese, Marco Damonte Prioli – e le forze dell’ordine intervenute in modo tempestivo”.

La notte del 23 dicembre 50 nigeriani assalivano un autobus

Sono passati pochi giorni da quando, la notte del 23 dicembre, una comitiva di venti nigeriani assaltava un autobus nell’entroterra di Imperia. Motivo: il conducente non poteva farli salire tutti. Ma se vuoi conoscere i particolari leggi pure QUI

Leggi QUI le altre notizie