Donna presa a calci e pugni rischia di morire

A provocarle una forte crisi respiratoria tre donne che vivevano con lei

Un banale litigio ha innescato una reazione violenta da parte di tre donne che hanno iniziato a prendere a calci e pugni una connazionale nel centro di accoglienza di Piani. La donna è stata trovata in forte stato di choc e con una grave crisi respiratoria al di fuori del centro stesso dove si era rifugiata.

Il tutto è accaduto nella serata di lunedì nel centro di Piani dove erano ospitate le nigeriane. Per cause ancora da verificare, pare, come scrive oggi Il Secolo XIX, che la donna in seguito a un banale litigio abbia gettato dei vestiti dalla finestra. Questo avrebbe innescato la reazione violenta da parte di tre sue connazionali che hanno iniziato a prenderla a calci e pugni fino a quando la donna non è riuscita a scappare fuori dalla struttura. A quel punto avrebbe avuto una forte crisi respiratoria e sarebbe crollata a terra. Salvata solo dall’arrivo della polizia e dell’ambulanza.

Leggi anche:  Chiuso un tratto di spiaggia alla Galeazza per caduta calcinacci

Le tre connazionali sono state tutte denunciate