Cucciolo di orca morto, Airoldi dopo le polemiche social: “In questi casi si è impotenti non impreparati”

Sabina Airoldi dell’Istituto di Ricerca Tethys, il centro di ricerca che studia i cetacei nel Mar Ligure, cerca di far chiarezza dopo le tante discussioni circa il cucciolo di orca morto a Genova (LEGGI QUI). Per farlo, ha scritto un post su Facebook in cui tenta di rispondere alla domanda che in tanti hanno posto, soprattutto sui social: “perché il cucciolo non è stato salvato?”. Airoldi in un passaggio si sofferma sul ruolo degli esperti coinvolti: più che impreparati, scrive riferendosi a insinuazioni più o meno velate in certe critiche, in casi come questi si è impotenti.