Gabriele, 14 anni, ricoverato con diversi tagli in seguito a un’aggressione da parte di due uomini che ha messo in fuga grazie alla sua abilità nelle arti marziali

Aggredito e ferito con una lametta

Uno studente di 14 anni di Ventimiglia, di nome Gabriele, è stato aggredito con una lametta da due persone, forse stranieri, intorno alle 16 di ieri, in via Asse a Ventimiglia, in quello che potrebbe essere un tentativo di rapina.

Il giovane, che pratica ju-jitsu, è riuscito a mettere fuori gioco uno dei due aggressori con un calcio nelle parti intime, parando i colpi del compare, anch’egli armato di lametta, che è riuscito ad allontanare con un pugno in faccia, ma ha riportato diversi tagli alle mani e al volto.

A denunciare l’accaduto la madre

E’ stata la madre del ragazzo a denunciare l’episodio. La donna ha già presentato denuncia ai carabinieri della locale compagnia. Stando a quanto ricostruito: erano circa le 16, quando il ragazzo è uscito da casa. Strada facendo, ha visto due persone alle spalle con un atteggiamento sospetto e, per questo motivo, ha subito nascosto lo smartphone in tasca. Uno di loro si è avvicinato e con una lametta lo ha  ferito al volto, senza chiedere nulla in particolare.

Il giovanesi è difeso con coraggio dagli aggressori

Gabriele ha  cercato di difendersi sferrandogli un calcio nelle parti intime. A quel punto, si è avvicinato il compare che ha cercato di ferirlo con un’altra lametta. Il ragazzo si è difeso anche in questa occasione, sferrando un pugno in faccia all’estraneo, ma ha riportato diversi tagli. Portato al pronto soccorso dalla madre è stato medicato e dimesso con 7 giorni di prognosi.

Leggi QUI le altre notizie