Affidamento rifiuti nel Dianese: il Tar da ragione alla Provincia

Il TAR di Genova, con ordinanza depositata in data di ieri, ha respinto il ricorso cautelare presentato dal Comune di Diano Marina contro la Provincia di Imperia, difesa dagli Avv.ti Luca Saguato e Manolo Crocetta, volto ad ottenere la sospensione del procedimento di affidamento mediante gara pubblica del servizio di raccolta rifiuti in tutto il Bacino Dianese e Andorese ( che comprende i Comuni imperiesi di Cervo, Cesio, Chiusanico, Diano Arentino, Diano Castello, Diano S. Pietro, San Bartolomeo al Mare, Villa Faraldi e quelli savonesi di Andora, Stellanello e Testico).

Rimediare alla situazione di grave anomalia

Il TAR, riconoscendo pertanto valida la procedura in corso svolta dagli Uffici Provinciali e dagli Uffici del Comune di Andora, capofila del bacino, ai sensi della Legge Regionale n. 1/2014, ha tra l’altro ritenuto prevalente “l’obiettivo di rimediare quanto prima, mediante l’espletamento di una procedura concorrenziale, alla situazione di grave anomalia determinatasi nei Comuni che hanno da tempo in proroga il servizio di igiene ambientale mediante ordinanze contingibili e urgenti” ed evidenziando ancora la contraddittorietà dell’azione del Comune di Diano Marina il quale “pur avendo deciso di partecipare alla progettazione propedeutica alla gara per l’affidamento del servizio con deliberazione consiliare n. 28 del 29 luglio 2016, contesta proprio la scelta di esperire una procedura ad evidenza pubblica, peraltro omettendo di illustrare le eventuali opzioni alternative”.In questo modo la Provincia, unitamente ai Comuni del Dianese e dell’Unione dei Comuni Valmerula e Montarosio, potrà proseguire nella procedura che consentirà l’affidamento del servizio di igiene ambientale dell’intero Bacino perseguendo criteri di economicità e risparmio per i cittadini e gli obiettivi di raccolta differenziata imposti dalla legge.

Leggi anche:  Le Sardine Ponentine scendono in piazza

Natta:”principi che ritenevo scontati da tempo”

“Il TAR Liguria ha affermato principi che ritenevo scontati da tempo e che le norme disciplinano in modo inequivocabile” – dichiara il Presidente della Provincia di Imperia Avv. Fabio Natta“la Provincia ha il compito affidatogli per legge di pianificare e coordinare sul territorio la gestione dei rifiuti in linea con gli indirizzi regionali, al fine di raggiungere i livelli di Raccolta Differenziata e di Riciclaggio previsti dalla normativa nazionale, promuovendo nei Bacini individuati con il Piano d’Area affidamenti di servizi che perseguano criteri di economicità, efficienza e buon andamento in grado di comportare risparmi ai cittadini e miglioramenti della qualità della vita e dell’ambiente”.